in

Fiat Chrysler: le voci di cessione di Alfa Romeo e Maserati fanno il giro del mondo

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Nelle scorse ore hanno fatto molto rumore le voci di cessione di Alfa Romeo, Maserati o Magneti Marelli da parte del gruppo Fiat Chrysler allo scopo di fare cassa e poter così ridurre drasticamente il pesante debito di oltre 7 miliardi di dollari che grava sull’azienda diretta dal numero uno, l’amministratore delegato Sergio Marchionne. Un po’ tutti i principali siti di notizie del mondo hanno parlato della questione che è stata sollevata da Forbes e che poi viene valutata dagli analisti finanziari come un qualcosa di molto positivo che potrebbe in futuro far salire ulteriormente le quotazioni delle azioni di Fiat Chrysler in Borsa.

Fiat Chrysler: la cessione di Alfa Romeo o Maserati sembra molto difficile

In realtà a nostro avviso l’ipotesi di una cessione di Alfa Romeo e Maserati in questo preciso momento storico sembra una possibilità alquanto difficile da realizzarsi e sicuramente azzardata da pensare. Basti ricordare che l’obiettivo primario di Sergio Marchionne e soci per i prossimi anni è proprio quello di rilanciare in grande stile le due celebri case automobilistiche italiane che rappresentano i due fiori all’occhiello del made in Italy automobilistico per quello che concerne la storia del mondo dei motori. Detto questo è anche vero che Sergio Marchionne prima di lasciare la guida del gruppo nella primavera del 2019 vorrebbe ridurre di molto il debito per lasciare FCA in una situazione finanziaria più tranquilla di quella attuale.

Leggi anche: Fiat Chrysler: per Forbes vende Alfa Romeo, Maserati o Magneti Marelli

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler: le voci di cessioni eccellenti si diffondono a macchia d’olio nel mondo ma paiono difficili dal concretizzarsi

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio è la novità più attesa del 2017 secondo un sondaggio di AutoExpress

Qualche possibilità in più per Magneti Marelli

A questo punto però se proprio uno dei brand di Fiat Chrysler Automobiles dovesse essere sacrificato per il bene del gruppo questo potrebbe essere Magneti Marelli. Del resto già negli scorsi mesi si era parlato della possibile cessione della celebre azienda di componenti ai coreani di Samsung. Trattativa che secondo fonti interne alle due società era ben avviata ma che poi alla fine non si è conclusa. Con la cessione di Magneti, Sergio Marchionne potrebbe ottenere svariati miliardi di euro che potrebbero dunque colmare il buco rappresentato dall’attuale livello di indebitamento di Fiat Chrysler. La nostra sensazione è che comunque alla fine nulla cambierà nonostante queste voci che negli ultimi giorni si sono molto intensificate.

 

Maserati Levante: arriva in Australia, già 200 ordini in poche ore

Fiat Chrysler, le novità in mostra al CES ed al Salone di Detroit 2017