in

Fiat: il brand italiano raccoglie brutte recensioni negli USA

Fiat
Fiat

Fiat, la principale casa automobilistica italiana sicuramente non ha vissuto un buon 2016 per quanto concerne gli Stati Uniti. Qui infatti il brand di FCA ha subìto un crollo del fatturato in misura pari al 19% per i primi 11 mesi dell’anno. Tra l’altro i numerosi detrattori della casa automobilistica italiana negli USA hanno anche messo in evidenza come molto spesso i veicoli del brand italiano si collocano regolarmente in corrispondenza o in prossimità del fondo della classifica che tiene conto delle valutazioni  dei clienti di Consumer Reports, di JD Power e di Customer Satisfaction Index.

Il 2016 anno nero per Fiat

Altra cosa che mettono in evidenza i detrattori, è che Fiat negli Stati Uniti è la casa automobilistica le cui vetture più a lungo rimangono presso i rivenditori in attesa di trovare un acquirente. Si tratta di un lasso di tempo assai maggiore di quelle che sono le medie. In parole povere i rivenditori americani fanno molta fatica a sbarazzarsi delle vetture Fiat piazzandole sul mercato. Di solito ci vogliono 102 giorni prima di riuscire a vendere un’auto della più importante casa italiana contro i 72 che ci vogliono in media per tutte le altre aziende.  Come abbiamo detto le vendite di Fiat sono scese del 19% nei primi 11 mesi dell’anno a 30.136. Per il suo modello di base 500, le cifre sono anche peggiori.

Le vendite di 500 sono scese del 37 per cento

Le vendite della 500 sono scese infatti del 37% a 14.026. Le vendite della 500L sono calate del 59% a 3.016. Fiat quanto meno però è stata in grado di sfruttare il boom dei crossover. Infatti la sua versione,  500X, ha registrato un fatturato che è salito del 40% a 10.869. Uno dei migliori esempi di come la casa italiana sia mal vista dalle società di ricerca del settore  è stata la più recente valutazione di Consumer Reports che ha classificato Fiat  con un punteggio di 5 su 100. La casa italiana tra l’altro non aveva automobili tra i modelli raccomandati.

Giudizio poco lusinghiero da Consumer Reports

Consumer Reports ha commentato: “Fiat è un enorme conglomerato italiano, che include tutti i marchi Chrysler in portafoglio. Il marchio Fiat è stato reintrodotto negli Stati Uniti nel 2011 con la 500. Nonostante un look accattivante e una divertente esperienza di guida,  molti aspetti limitano il suo fascino. L’affidabilità è molto bassa. La 500L ha dimostrato progressi insignificanti nei nostri test e per il terzo anno consecutivo è tra le nuove auto meno affidabili nel nostro sondaggio sull’affidabilità. Il crossover 500X è elegante e ha una serie di caratteristiche di sicurezza disponibili, ma ha avuto una performance piuttosto mediocre nel nostro test”.

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia: il modello da 350 cavalli solo per gli USA?

Fiat 500X 2017
Fiat 500X 2017

Leggi anche: Maserati sceglie Goodyear Eagle F1 per il nuovo Levante

L’obiettivo per il futuro è migliorare la percezione che in Usa hanno del brand

Insomma un giudizio certamente non lusinghiero che però purtroppo dipinge quella che è l’idea che molti in America hanno attualmente di questo marchio sia tra gli appassionati che tra gli addetti ai lavori. Occorre dunque correre ai ripari e fare in modo che le automobili della gamma Fiat presenti in Usa vengano considerate come auto maggiormente affidabili rispetto a quanto avvenuto sino a questo momento.

Jeep Grand Cherokee 2017

Jeep Grand Cherokee 2017: arriva in Italia la nuova versione

Alfa Romeo Suv XL

Alfa Romeo Suv XL: il rendering di Theophilus Chin