in

Fiat Chrysler: negli USA sarà difesa dallo stesso avvocato di Volkswagen

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Uno degli avvocati che ha difeso Volkswagen negli USA in occasione dello scandalo Dieselgate, difenderà Fiat Chrysler contro accuse simili che sono piovute ultimamente nei confronti del gruppo italo americano diretto da Sergio Marchionne. L’avvocato  in questione è Robert Giuffra Jr. di New York, un partner dello studio Sullivan & Cromwell, che insieme ad altri due avvocati Martedì apparirà nel tribunale federale di San Francisco nelle vesti di consulente per Fiat Chrysler per difendere il gruppo italo americano contro una class-action depositata lo scorso 1 dicembre presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto settentrionale della California.

Ecco di cosa viene incolpata negli USA Fiat Chrysler

L’accusa incolpa Fiat Chrysler di aver installato un software realizzato da Bosch che mascherava le emissioni di gas di scarico in eccesso in alcuni suoi modelli. Il fornitore automobilistico tedesco era anche dietro al software legato allo scandalo delle emissioni di Volkswagen. “L’azienda avrebbe consapevolmente occultato l’uso di un impianto di manipolazione delle emissioni che dunque avrebbero così superato di ben 10 volte i limiti legali delle emissioni previsti negli Stati Uniti.” Questo è stato comunicato all’inizio di questo mese da Hagens Berman Sobol Shapiro LLP, che ha presentato la querela. L’accusa sostiene che questo impianto di manipolazione riguardi ben 140.000 Pick Ram 1500 e 9.000 unità di Jeep Grand Cherokee. 

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia: ecco il prezzo di partenza negli Usa

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Leggi anche: Alfa Romeo Registro italiano si aggiorna al 2017: le novità

Fiat Chrysler esclude ogni responsabilità, Bosch preferisce non rilasciare dichiarazioni

Fiat Chrysler, in una dichiarazione resa questo Giovedi, ha detto che la società “non crede che queste affermazioni siano veritiere”, e “si propone di contestare questa causa con forza.” La società non ha avuto subito un commento sulla nomina dell’avvocato Giuffra, che è attualmente  impegnato nella difesa di Volkswagen in relazione al suo recente scandalo delle emissioni diesel. Ricordiamo tra l’altro che Fiat Chrysler è un cliente di lunga data dello studio Sullivan & Cromwell. Bosch Giovedi non ha risposto immediatamente alla richiesta di un commento sul contenzioso. L’accusa imputa a Fiat Chrysler e Bosch di aver commesso insieme una grave irregolarità.

Insomma si prospetta una lunga battaglia nei tribunali americani tra coloro i quali hanno intentato questa class action e le due aziende accusate delle presunte irregolarità. Vi aggiorneremo non appena dagli Stati Uniti dovessero arrivare importanti novità relative a questa intricata vicenda giudiziaria che sta coinvolgendo Fiat Chrysler Automobiles. 

 

 

Alfa Romeo Giulia

Alfa Romeo Giulia: ecco il prezzo di partenza negli Usa

Maserati non farà alcuna ‘Sport Car’ per due o tre anni