Alfa Romeo, anche ad aprile calano le vendite in Europa

di -
Alfa Romeo Giulietta

Come abbiamo visto nei giorni scorsi, il mercato dell’auto italiano è tornato a crescere con un eccezionale +24% rispetto all’aprile dello scorso anno. Tale crescita però non ha portato alcun benefico ad Alfa Romeo che, in netta controtendenza con il resto del mercato del nostro paese, ha registrato ad aprile una leggera flessione in termini di unità vendute in Italia. Il calo di Alfa Romeo diventa ancora più marcato ed inesorabile al di fuori dei confini nazionali dove, al momento, il brand vede restringere sempre di più la sua presenza in attesa dei nuovi modelli che, si spera, dovranno dare un contributo netto alla crescita delle vendite in futuro.

In Italia, come detto in precedenza, Alfa Romeo ha registrato una leggera flessione pari al -0.8%. Un dato decisamente negativo se paragonato al +24% dell’intero mercato nazionale. La situazione del brand italiano però non cambia, anzi peggiora, nei principali mercati europei. In Francia, nonostante il mercato cresca del +2.3%, Alfa Romeo fa registrare un calo del -10.8% delle vendite ad aprile. Al termine del primo quadrimestre dell’anno, il mercato transalpino per Alfa Romeo fa registrare, invece, un calo verticale pari al -20% in termini di unità vendute. In totale, da inizio anno, Alfa Romeo ha venduto in Francia poco più di 2 mila unità con una quota di mercato prossima allo 0.3%. In Germania, invece, il mercato delle quattro ruote fa registrare ad aprile una crescita del 6.3% mentre il marchio Alfa Romeo vede crollare le sue vendite del -22%. In totale, al termine del primo quadrimestre dell’anno, Alfa perde il -12% in termini di unità vendute in Germania.

Per quanto riguarda un altro importante mercato europeo, ovvero la Spagna, la situazione non cambia. Il mercato iberico cresce del 3.9% ma le vendite di Alfa Romeo continuano a calare facendo registrare, ad aprile, un -11.5%. Il dato parziale relativo al 2015 è meno negativo (-7.8%) ma comunque testimonia un calo rispetto allo scorso anno. Discorso simile anche nel Regno Unito dove, ad aprile, Alfa Romeo fa registrare un calo del -20.7%.Alfa Romeo Giulietta QV

In sostanza, Alfa Romeo continua a mettere in mostra un lento ed inesorabile calo che, a questo punto, dovrebbe perdurare anche nel corso dei prossimi mesi, almeno sino al debutto sul mercato della nuova Alfa Romeo Giulia che sarà presentata ad Arese il 24 giugno e che dovrebbe debuttare in concessionaria nell’ultimo trimestre dell’anno in corso. Alfa Romeo ha comunque bisogno di accelerare, quanto più possibile, i tempi. Le vendite, infatti, continuano a diminuire con i due modelli in gamma, MiTo e Giulietta, che oramai si avviano verso la conclusione del loro ciclo vitale e non riescono più ad attrarre più di tanto i clienti europei. L’obiettivo di Alfa Romeo, ovvero raggiungere il target di 250 mila unità vendute in Europa entro il 2018, appare oggi davvero molto lontano e la sola Giulia, affiancata dal nuovo SUV, potrebbero non bastare per dare uno slancio al marchio italiano nei prossimi anni. Per ora non ci resta che attendere, quindi, le novità future di Alfa Romeo per i prossimi mesi nella speranza che il brand possa tornare dove la sua storia merita di stare.

  • Il motore 1’6 mjt da 120 cv deve essere reso disponibile x tutta la gamma Giulietta e nn solo per la versione “collezione”, le vendite potrebbero beneficiarne!

  • Gamma asfittica. Giulietta quasi a fine carriera e mito così e così.