Alfa Romeo, calano le vendite ad aprile in Italia (-0.83%)

di -
Alfa Romeo Giulietta

Niente da fare. La crescita del mercato dell’auto italiano, che migliora del 24% i risultati dell’aprile dell’anno passato, non riesce a trascinare il marchio Alfa Romeo che chiude il quarto mese dell’anno con un totale di 2.756 unità vendute ed un calo percentuale rispetto al mese di aprile dello scorso anno pari al -0.83%. La flessione è davvero molto lieve ma assume un significato molto negativo se si considera il già citato +24% del mercato delle quattro ruote italiano ed il 24.8% di FCA. Anche il marchio Lancia, che come Alfa Romeo non vive di certo un periodo florido, ha migliorato i risultati di aprile 2014 del +24.12% anche grazie alle offerte sulla rottamazione dell’usato di FCA presentate ad aprile. Alfa Romeo Giulietta

Considerando il primo quadrimestre dell’anno in corso, Alfa Romeo ha venduto in Italia un totale di 11.234 nuove vetture. Si tratta, in ogni caso, di un dato abbastanza positivo che si traduce in una crescita percentuale del 3.56% rispetto ai dati di vendita relativi al periodo gennaio-aprile del 2014. Il mercato auto italiano, nello stesso periodo di tempo, ha fatto registrare una crescita pari al +16%. La quota di mercato di Alfa Romeo è ora pari a 1.94% in calo rispetto al 2.18% dello scorso anno. Alfa Romeo Giulietta

Per quanto riguarda le vendite dell’Alfa Romeo Giulietta, invece, ad aprile registriamo una situazione praticamente stazionaria con un totale di 1.899 unità vendute contro le 1.902 dell’aprile 2014. Considerando i primi quattro mesi dell’anno in corso, la Giulietta fa registrare una crescita del 14.8% con un totale di 8.561 unità vendute. La vettura di casa Alfa risulta essere la terza segmento C più venduta in Italia alle spalle della Volkswagen Golf e della Nissan Qashqai e di poco avanti rispetto alla Jeep Renegade che sta trasformando radicalmente il marchio Jeep. Alfa Mito

Il mese di aprile rappresenta un vero e proprio simbolo della situazione di Alfa Romeo. Il marchio italiano, infatti, non riesce a tenere il ritmo del mercato auto italiano che, dopo una lunga crisi, sta vivendo finalmente un periodo di forte crescita. Alfa Romeo continua ad essere, al netto di pochi punti percentuali di differenza, allo stesso livello dello scorso anno in attesa del prossimo mese di giugno quando debutterà, in via ufficiale, la nuova Alfa Romeo Giulia, la berlina di segmento D che darà inizio al nuovo corso di Alfa Romeo che, ricordiamo, per il suo futuro si prefigge obiettivi decisamente importanti. Alfa Romeo GiuliaIl marchio italiano, infatti, mira a raggiungere quota 400 mila unità vendute al mondo entro il 2018. Circa 250 mila di queste saranno commercializzate in Europa ed, una buona parte, in Italia. L’appuntamento è fissato per l’inizio del prossimo mese di giugno per scoprire i dati di vendita di Alfa Romeo in Italia a maggio.

  • wissender

    Non si capisce perche gli italiani non riescono a concepire che comprando le straniere distruggono solamente l’ italia. Strano. Proprio i tedeschi questo l’hanno capito alla perfezione. E poi si vuole dire mangiacrauti ai tedeschi. Forse ne devono mangiare diversi crauti questi italioti se vogliono salvare qualche cellula di cervello. L’ Italia riesce a fare solamente ancora brutte figure nell’ mondo, ma non piu solo per i politici di Serie “C”. Il popolo si sta dimostrando di essere di serie “D” in Europa. Che delusione. Questo paese e’ davvero fallito. Non resta piu che emigrare.

    • Alfonso

      Hai ragione ma ci sono una serie di ragioni..valide e stupide. Le ragioni valide sono purtroppo legate al fatto che FCA ha segmenti vacanti e ragioni stupide come il fatto che la noiosa Golf sia irraggiungibile nelle vendite in Italia..No dico Italia mica Germania..ahivoglia a lamentarsi che non c’è lavoro..hanno chiuso anche la Mivar a Milano perchè non reggeva la concorrenza coreana..e ho detto tutto

  • Il gelataio

    Da alfista dico una cosa banale..l’Alfa in queste condizioni non può resistere. Ci vogliono modelli nuovi e la rapida copertura di molti segmenti. Ci vuole una buona station media, un piccolo SUV/crossover una nuova compatta. Bisogna investire molto nelle nuove tecnologie e rinnovarsi.
    Alfa è un mito, ma non può vivere nel passato, deve aprirsi al futuro creandolo ed interpretandolo.
    Gli italiani si convinceranno, e soprattutto si convincerà il resto del mondo che alfa non è solo un marchio, ma un modo di vivere, uno stile di vita. Fatele uscire queste alfa!!!

  • Il gelataio

    Notizia di questi GG è di un motore da 300 cv per la Giulia…ragazzi ma vedete cosa propone la concorrenza?? Con 300 cv si parte già da un gradino sotto!! Chi acquista classe c amg, m3 o Rs4 non va a vedere se la macchina costa 3-4 k di differenza…vuole il top! E con 300 cv in quel segmento non sei al top!
    Sergio non fare scherzi, dove sono i v6 di origine Ferrari?

    • Alfonso

      Non è ufficiale ma si parla di un 3.0 da 500 cv Di origine Ferrari…se ci sarà anche un 1.8 da 300cv (come dicono fonti quasi sicure)..beh allora i tedeschi potranno solo mangiar polvere..aspetto il 24 giugno……