FCA presenta bond senior da 3 miliardi di dollari

di -
FCA bond

Il futuro di FCA sul mercato internazionale è legato a doppio filo a tantissimi equilibri finanziari che vedono protagonista, in queste settimane, il gruppo italo americano con sede in Olanda. Negli ultimi giorni, FCA ha presentato un prestito obbligazionario senior unsecured da 3 miliardi di dollari in una o più serie. L’istituto finanziario Moody’s ha attribuito ai bond di FCA un rating pari a B2. Il gruppo, inoltre, provvederà ad un’emissione divisa in due differenti tipologie, a 5 anni ed a 8 anni. In entrambi i casi, la collocazione avverrà presso investitori istituzionali nordamericani ed europei. L’azienda ha spiegato che il ricavo di questa operazione sarà impiegato per coprire le “generali esigenze del gruppo“. Si tratta di una dichiarazione piuttosto generica che potrebbe includere diverse situazioni.

Ad esempio, il ricavato potrebbe essere utilizzato per il rifinanziamento delle obbligazioni senior secured emesse dalla controllata Fca Us Llc che, al momento, ha in corso due differenti obbligazioni, entrambe rimborsabili in anticipo con penale, con scadenza, rispettivamente, 2019 e 2021. Il programma di rimborso potrà avviarsi a partire dal 15 giugno quando il bond in scadenza nel 2019 sarà rimborsabile con una penale del 4% che, un anno dopo, scenderebbe al 2%.

Si tratta di una strategia finanziarie che permetterebbe a FCA di raggiungere un risparmio complessivo di circa 90 milioni di dollari per quanto riguarda gli oneri finanziari secondo quanto riporta IlSole24Ore. Il rimborso anticipato, infatti, porta con sé un costo di circa 115 milioni di dollari che sarebbe annullato dal possibilità di risparmiare sugli interessi, fissati all’8%.