Alfa Romeo vendite in calo del -3.9% a marzo, cresce la Giulietta (+7.8%)

di -
Alfa Romeo Giulietta

Il mercato dell’auto italiano continua a crescere anche a marzo che termina con un buon +15% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Nonostante queste buone notizie si arresta la crescita del marchio Alfa Romeo che, dopo il buon mese di febbraio, chiude il mese di marzo con un calo del -3.9% rispetto allo stesso mese dell’anno passato. In totale, le unità vendute a marzo sono state 3.128, un dato leggermente inferiore alle 3.255 unità del marzo dello scorso anno.Alfa Romeo Giulietta

Considerando il primo trimestre del 2015 il dato parziale è comunque positivo visto e considerato che Alfa Romeo ha distribuito in totale 8.462 nuove vetture facendo meglio delle 8.069 unità del marzo del 2014. In termini percentuali la crescita è pari al +4.87%. In ogni caso, si tratta di un dato nettamente al di sotto della media del mercato dell’auto italiano di questo primo trimestre. Il settore delle quattro ruote, infatti, ha fatto registrare, nei primi tre mesi dell’anno, una crescita media pari al +13.5%. In sostanza, c’è ancora molto da lavorare in casa Alfa Romeo per cercare di tenere, quanto meno, il passo della media del mercato italiano.Alfa Romeo Giulietta

C’è da dire, però, che il mese di marzo segna anche una nuova crescita dell’Alfa Romeo Giulietta che, secondo i dati diffusi dal Ministero dei Trasporti, ha raggiunto quota 2.533 unità vendute nel corso del mese di marzo appena terminato migliorando le 2.350 unità vendute del marzo dello scorso anno. In termini percentuali, la segmento C del brand italiano cresce del +7.8%. Considerando, invece, il primo trimestre dell’anno in corso notiamo come l’Alfa Romeo Giulietta abbia raggiunto quota 6.645 unità vendute migliorando, anche in questo caso, il dato del periodo gennaio-marzo 2014 di 5.399 unità vendute. In questo caso, il miglioramento percentuale è pari al +23%. Appare, quindi, quasi scontato evidenziare come il calo di marzo sia legato a doppio filo all’Alfa Romeo MiTo che continua ad avere un mercato piuttosto limitato rispetto alle sue potenzialità.Alfa Romeo MiTo

Per gli appassionati di  numeri e statistiche evidenziamo come l’Alfa Romeo Giulietta risulta essere l’ottava auto alimentata a diesel più venduta in Italia a marzo, con 1.904 unità vendute, e la decima auto alimentata a GPL più venduta, con un totale di 408 unità vendute. Si tratta, senza alcun dubbio, di risultati davvero positivi per la segmento C della casa italiana che sta beneficiando delle varie promozioni di Alfa Romeo e del debutto sul mercato della Giulietta Sprint a cui, presto, si aggiungerà anche la nuova Giulietta Collezione.Alfa Romeo Giulietta

Ad aprile, in ogni caso, le vendite dell’Alfa Romeo Giulietta potrebbero subire una nuova crescita grazie alla nuova promozione, valida per tutto il mese, Super Rottamazione che permette ai clienti con un usato da rottamare di ottenere uno sconto di 2000 Euro o 3000 Euro, in caso di finanziamento FCA Bank, sull’acquisto di un nuovo modello. Ricordiamo, a tal proposito, che grazie a questa promozione sarà possibile acquistare un’Alfa Romeo Giulietta a partire da 15.500 Euro, prezzo che si riferisce al modello con allestimento Progression, un allestimento decisamente più ricco dell’entry level Impression, e motore 1.4 turbo benzina da 105 CV. Staremo a vedere tra un mese se le vendite della Giulietta continueranno in questo processo di crescita.

  • E normale la gente non ha più nemmeno i soldi x mangiare grazie al nostro governo fantoccio

  • Visto la gamma attuale proposta, è quello che si meritano, è mai possibile che la gamma Alfa odierna sia ridotta a due soli modelli, incapaci di soddisfare le esigenze degli utenti? Per esempio, ho una 159 Sw, con cosa la cambio? E non sono l’unico… l’Alfa avrebbe un potenziale enorme, ci sarà un motivo per il quale non viene sfruttato!

  • wissender

    Infatti piu si produce a l’estero con la Fiat, e meno si puo comperare nell’ paese. E poi che strategia di risparmio esagerata e questa per rilanciare la Chrysler, riducendo Alfa Romeo su due modelli.
    Si e perso il bilancio giusto tra il rilancio Chrysler ed il risparmio in Europa. E cosi che si perde tracciato sulle vendite, ma anche verso i concurrenti.

  • wissender

    La Mito non si dovrebbe vendere da Alfa Romeo. Certamente venduta da Fiat e poi con 5 porte, avrebbe piu successo. Le Alfa Romeo dovrebbero essere costruite dall’ segmento C in poi, con una potenza di motori iniziando da 145 CV all’ in su. Meno di 145 CV non puo essere oggi giorno una Alfa Romeo.