Vietato fumare in auto, multe salate

di -

Arriverà la norma che vieta di fumare in auto, provvedimento per tutelare i minori contro il fumo passivo

Vietato fumare in auto potrebbe diventare presto legge, grazie al decreto Milleproroghe, lasciarsi sedurre dal vizio del fumo all’interno della propria automobile in presenza di minori  diventerà un gesto punito dalla legge con multe anche molto salate per il fumatore trasgressivo. L’Italia segue la scia dell’Inghilterra, dove il divieto è già legge a tutti gli effetti e diventerà esecutivo dal mese di ottobre di quest’anno, provvedimento voluto dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che ha permesso  il suo inserimento tra i prossimi progetti elaborati dal governo.

Se passerà e diventerà legge, il divieto di fumare in automobile comporterà multe salate per chi sarà trovato in flagranza di reato. Ciò significa che per essere attuata la multa, il vigile urbano dovrebbe fermare l’automobilista fumatore nell’atto in cui sta fumando la sua sigaretta e appurare che all’interno del veicolo ci sia un altro soggetto minore di diciotto anni.

La quantità monetaria della multa ancora non è chiara, in Inghilterra si parla di una cifra vicino ai settanta euro, 50 sterline per circa € 67; la cifra della multa potrebbe essere una quota fissa, oppure variare in base alle singole circostanze e gravità della situazione, ma su questo ancora non ci sono state precise e chiare indicazioni.

Sono molti anni che medici di tutto il mondo asseriscono quanto sia pericoloso e grave fumare all’interno di un veicolo piccolo con una superficie ridotta come quella di un’automobile; il fumo passivo diventa molto più dannoso del tubo di scarico della stessa automobile hanno sempre sostenuto, un esempio forte, ma che non si discosta dalla realtà. Sottoporre un cittadino e specialmente un bambino al fumo passivo del genitore in automobile, potrebbe portare allo stesso diverse patologie gravi, le prime malattie sono di carattere respiratorio, in un minore possono evolversi in maniera grave, seria e anche cronica, senza considerare le varie forme tumorali legate al fumo di sigaretta.

Questo ennesimo provvedimento giunge dopo altri divieti eseguiti negli anni precedenti: come il divieto di fumare in locali pubblici, nelle scuole, in ristoranti e simili, un provvedimento che ha migliorato positivamente la vita dei non fumatori, che adesso non sono più costretti a subire il fumo passivo e a rovinare una cena o anche la visione di un film al cinema, avvertendo lo strano e antipatico odore sprigionato dal fumo di una sigaretta, senza contarne l’importanza dal punto di vista della salute.

La norma serve per sensibilizzare il mondo degli adulti e soprattutto i fumatori, marcando ancora una volta con questo divieto, quanto possa essere pericoloso e grave fumare. Il vizio del fumo ogni anno condanna  a morte migliaia di persone nel mondo, sono anni che i governi cercano con i mezzi a loro disposizione di far comprendere la serietà del pericolo cui sono esposti i fumatori stessi, ma soprattutto chi è costretto a subire il fumo passivo dei loro parenti, come in questo caso, i figli minori costretti a respirare il fumo passivo derivante dal vizio dei genitori,  con tutte le possibili gravi conseguenze sopra esposte.

divieto-fumo-in-auto-3Le campagne contro il fumo sono cominciate seriamente da qualche anno, oggi anche negli stessi pacchetti delle sigarette sono esposte frasi dure e forti che condannano il fumo, un atteggiamento dovuto da parte delle aziende produttrici per scagionare la loro coscienza e anche se stessi da eventuali richieste di risarcimento: il fumo uccide!

Questa è una delle frasi più comuni che si legge sui pacchetti di tanti marchi di sigarette, nonostante le avvertenze, ancor oggi sono milioni i fumatori in tutto il mondo; si spera che con quest’altro divieto di fumo in automobile in presenza di minori possa in qualche modo colpire la sensibilizzazione dei fumatori, ponendoli ancora volta dinanzi alle gravi conseguenze del loro vizio.