,

Targhe auto finite, blocco immatricolazioni!

targhe-auto-finite

Davvero paradossale la nuova emergenza targhe auto: il Poligrafico ha bloccato la produzione e la relativa consegna alle Motorizzazioni Civili.

In alcune città, come ad esempio Milano e Firenze, le agenzie da qualche giorno non riescono ad immatricolare i veicoli comprati dai cittadini, e questi ultimi pertanto non sono in grado a loro volta di ritirare i mezzi acquistati.

Un fatto davvero incredibile se, come sembra, è dovuto  ad una mancata comunicazione di autorizzazione per la produzione e consegna di targhe da parte del Ministero dell’Economia e Finanze allo stesso Poligrafico dello Stato.

È quanto reso noto dall’UNASCA (Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica), pronta a lanciare l’ennesimo allarme su una nuova emergenza targhe ed i tanti disagi nei confronti dei cittadini e dell’intero comparto, un settore che proprio in questi mesi sta provando ad uscire da una crisi durissima.

Il fatto certo è che oggi molti Uffici Provinciali della Motorizzazione Civile sono ormai agli sgoccioli, ovvero sono vicini a finire le scorte di targhe necessarie per poter procedere ad una regolare immatricolazioni di autovetture e autocarri.

Il motivo è il blocco della produzione dello stabilimento del Poligrafico dello Stato. Al momento sembra che le provincie di Milano, Firenze e Ascoli Piceno non hanno già adesso più scorte mentre a Torino, Modena, Grosseto e Trento la situazione ormai è al limite. In caso di mancato intervento, diverse le province in Italia che a breve si troveranno nella stessa situazione.

Ottorino Pignoloni, segretario nazionale Unasca Studi, ha espresso tutto il suo stupore nel dover segnalare periodicamente lo stesso disservizio, in quanto mette a rischio “il ritiro e l’uso dei veicoli già acquistati, spesso necessari anche per lavorare”.

Pignoloni infine ha sottolineato come il sistema di produzione e distribuzione delle targhe in Italia sia il più costoso in Europa.

Lascia un commento

Loading…

Alfa Romeo Giulia

Alfa Romeo Giulia, prime conferme sul nome della futura berlina

Mercato Auto

Mercato Auto Europa cresce dopo 6 anni, vola la Spagna