FCA: E’ arrivato il momento delle auto ibride, Marchionne conferma

di -
FCA ibrido

Il Salone di Detroit 2015 è l’occasione perfetta per fare il punto della situazione sui programmi futuri che FCA ha intenzione di sviluppare nel corso del prossimo futuro. La casa italo americana che a Detroit ha svelato ufficialmente la versione definitiva dell’Alfa Romeo 4C Spider sta lavorando su di un gran numero di progetti per il suo futuro ed alcuni di questi includono una novità assoluta per l’azienda, ovvero l‘ibrido.

Sergio MarchionneStando a quanto affermato dallo stesso Sergio Marchionne, amministratore delegato di FCA, l’azienda ha finalmente intenzione di investire nel settore delle auto ibride che, a detta del manager italiano, rappresenta, insieme al settore fuel cell, un segmento che “corre veloce”. Sino a questo momento, infatti, FCA non ha voluto rischiare, evitando di investire nel settore dei motori elettrici e delle auto ibride. Si è tratta di una scelta molto conservativa che da una parte non ha permesso all’azienda italo-americana di sfruttare il successo che le auto ibride hanno ottenuto in questo 2014 terminato da poco ma che allo stesso tempo ha evitato alla casa costruttrice di incorrere in fallimenti che avrebbero potuto pesare negativamente sul processo di crescita.

Chrysler Cross CountryA Detroit è però arrivata la conferma che per FCA è giunta l’ora di investire nel settore ibrido. E’ cosi che lo stesso Marchionne ha confermato come la prima auto ibrida del nuovo corso di FCA sarà la nuova Chrysler Cross Country, un SUV-monovolume tipicamente americano che sfrutterà un motore elettrico per ridurre drasticamente i suoi consumi e le sue emissioni di CO2 in atmosfera.

La nuova vettura di casa Chrysler sarà però soltanto la prima di una lunga serie di progetti che andranno ad inserirsi all’interno della gamma dei diversi marchi che compongono l’universo FCA. Stando a quanto dichiarato da Harald Wester, CEO di Maserati e Alfa Romeo, la tecnologia ibrida rappresenta una risorsa importantissima per il futuro. A conti fatti, per i marchi che presentano motorizzazioni dotate di una potenza elevata, l’ibrido è una scelta obbligata che permette di ridurre le emissioni di CO2 senza andare a pesare sulle prestazioni.

Maserati LevanteE’ cosi, quindi, che due dei progetti principali per quanto riguarda il mondo dell’ibrido di FCA potrebbero essere rappresentati, nel 2016, proprio dai marchi Maserati e Alfa Romeo. Il nuovo Maserati Levante, primo SUV di casa Maserati che debutterà sul finire dell’anno in corso, ed il nuovo SUV di Alfa Romeo potrebbero essere dotati di una variante ibrida in grado di garantire un essenziale salto di qualità alla gamma portando con sé anche una forte riduzione di consumi ed emissioni di CO2 in atmosfera. Maggiori dettagli arriveranno senza dubbio nel corso dei prossimi mesi.