Alfa Romeo Giulietta Sprint, un piano evocativo

Alfa Romeo Giulietta Sprint

Inaspettata e sorprendentemente carica di entusiasmo la circolare n. 243 giunta a tutti i soci del Registro Italiano Alfa Romeo (a cui ricordiamolo, Club Alfa Italia è federato) proprio a firma del Presidente Stefano D’Amico che in occasione dei 60 anni della Giulietta Sprint ha trasmesso una comunicazione che lascia poco spazio a supposizioni se non alla presa d’atto di un altrettanto inaspettato cambiamento di rotta da parte dell’azienda.

Proprio in tal senso, nell’anno in cui ne ricorre l’anniversario, l’azienda si sbilancia ulteriormente decidendo di promuovere la nascita di un nuovo modello a cui affiancare una storica Giulietta Sprint in ogni Showroom presente sul territorio nazionale (in tal senso è stato anche allegato un’ormai stringato ma dettagliato elenco delle sedi interessate).

“Vorremmo che Voi – dice il comunicato – appassionati come noi, diventaste protagonisti, insieme a noi, di ogni nostro evento e ci aiutaste a promuovere non solo la nostra storia ma anche il nostro divenire come testimonial d’eccezione e preziosi a fianco per della nuova nata, la Giulietta Sprint

Con questo passo a firma del Presidente del RIAR Stefano D’Amico, di Alberto Cavaggioni (Marketing Planning and Marketing & Communication) e Lorenzo Bologna (Business Center Italy Brand Alfa Romeo Manager) si blindano gli appassionati (quasi con l’intento di responsabilizzarli) dopo che per anni, diciamolo pure, l’azienda è sembrata essere totalmente sorda alle richieste di quello “zoccolo duro” rappresentato dagli Alfisti old style che chiedevano una maggior caratterizzazione della gamma che venisse differenziata dal resto della produzione made in Torino.

L’invito, rassicurante sul futuro, incerto per ciò che ha rappresentato il recente passato, è condito dalla promessa di “un trattamento privilegiato per tutti coloro che metteranno a disposizione le proprie auto” e da un ricordo per la collaborazione.