Jeep: il brand di FCA dopo 5 anni consecutivi di crescita punta a migliorarsi ancora

Jeep
Jeep

Dopo cinque anni consecutivi di vendite record, il marchio Jeep deve affrontare una sfida importante nel 2017 e cioè quella di continuare la sua corsa per diventare un vero e proprio marchio globale che possa fungere da traino per Fiat Chrysler Automobiles. Mentre il marchio  famoso per i suoi SUV avrà 10 impianti di assemblaggio in sei diversi paesi,  le sue operazioni in Nord America sono nelle fasi iniziali per quanto riguarda la ristrutturazione di alcuni stabilimenti che non vengono ristrutturati da moltissimo tempo.

Il rinnovamento degli stabilimenti di Jeep promesso da Sergio Marchionne nei prossimi anni coinvolge almeno tre stabilimenti e una manciata di veicoli attuali e di prossima generazione, tra cui la nuova generazione di Wrangler. I piani di Jeep sono quelli di riconvertire lo stabilimento di Sterling  Heights  per iniziare a produrre il pick up Ram 1500 di nuova generazione, un veicolo programmato per essere presentato nel gennaio 2018. ” Ci aspetta una complessa serie di mosse,” ha detto Mike Manley capo di Jeep e Ram al Detroit News questo mese al North American International Auto Show di Detroit.“Non c’è dubbio che da un punto di vista industriale, questo sarà un anno molto impegnativo.”

L’obiettivo di Jeep è quello di arrivare a vendere 2 milioni di veicoli a livello globale entro il 2018. Il marchio ha raggiunto un record di 1,4 milioni di vendite nel 2016. Se uno dei nuovi lanci andasse male o qualcosa non funzionasse e ci fossero dei ritardi, questo potrebbe significare la fine dello sperato record  di vendite globale di Jeep e potrebbe avere un impatto negativo nei profitti della casa automobilistica. L’importanza dell’espansione del brand americano di FCA è stato sottolineato più volte dalla stessa Fiat Chrysler che grazie soprattutto a questo brand sta recuperando molte posizioni nel mondo dei motori.

Leggi anche: Maserati GB apporta modifiche al team di vendita per le aziende

Jeep Grand Cherokee SRT Trackhawk
Jeep Grand Cherokee SRT Trackhawk: il Ceo Mike Manley eccitato per il suo arrivo sul mercato

Leggi anche: Ferrari ha superato i crash test per la Formula Uno senza alcun problema

“Abbiamo fatto tutte le scelte industriali che devono essere fatte per garantire questi numeri,” ha detto l’ amministratore delegato di Fiat Chrysler Sergio Marchionne parlando agli analisti finanziari e ai media nel corso di una conference call Giovedì scorso. Gli obiettivi per il 2018 comprendono l’utile operativo a 9 miliardi di euro, 5 miliardi di utile netto, e 5 miliardi di euro di cassa. “Il raggiungimento del piano 2018 dipende in larga parte dal raggiungimento dell’obiettivo di rendere Jeep il leader mondiale indiscusso nello spazio SUV, e Mike è stato incaricato di raggiungere tale obiettivo”, ha detto Marchionne  giovedì. Vedremo dunque se realmente nel 2017 Jeep raggiungerà i suoi obiettivi.

  • ILKönz

    “…che possa fungere da traino per Fiat Chrysler Automobiles”

    Perchè ora non lo è, per caso? Senza Jeep il caro maglioncino sarebbe tornato da un pezzo in Svizzera.
    E sarei anche curioso di sapere quali “posizioni” FCA avrebbe recuperato nel mondo dei motori. Di sicuro non quelle che riguardano chi vende tante auto. Perchè, ok, Jeep è un successo, ma non basta per schiodare il gruppo dalla settima posizione nella sales chart globale.
    Se poi si vuol parlare di motori proprio in senso stretto… beh sta ancora contrattando con l’EPA chissà quali magheggi (oliati ulteriormente dall’amministrazione Trump) per uscirne fuori senza multe che manderebbero a ramengo il bilancio e il futuro stesso di FCA come la conosciamo adesso.
    Quindi tanto all’avanguardia non mi sembrano, perchè, finchè FCA non presenta controprove certe, le violazioni verso il Clean Air Act da parte del gruppo rimangono eccome, EPA o no.
    Ciò detto, Mike Manley mi sembra davvero in gamba, l’unico dirigente che vedrei di buon occhio come successore del maglionato, sicuramente molto meglio di gente come Bigland o Altavilla, che in confronto a Mike sono poco più di venditori porta a porta.

    • Paolo Guidi

      Sempre cazzate ! mi raccomando non migliorare mai nella vita rimani sempre ai livelli di bassezza che ti contraddistingue .

  • Hammurabi Babilo

    Bel macchinone e rifinita alla grandissima.. ci sono salito !! Sarebbe ora che iniettassero però un po di ibrido plug-in. L’elettrico puro lo ritengo una immensa cretinata.