Fiat Chrysler aspetta “nuove regole” per decidere sul Messico

di -
Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Fiat Chrysler non ha preso alcuna decisione per quanto riguarda le proprie attività in Messico e attende con interesse le “nuove regole” che dovrebbero essere rese note nelle prossime settimane con l’arrivo di Donald Trump, alla casa bianca. Lo ha detto il presidente e direttore generale del gruppo in Messico, Bruno Cattori. “Ci aspettiamo di conoscere le nuove regole per capire cosa accadrà esattamente” ha detto Cattori nel corso di un’intervista telefonica con Efe da Detroit (USA), dove si sta svolgendo in questi giorni il Salone Internazionale dell’auto.

“Bisogna avere pazienza, non è stata ancora presa alcuna decisione in merito al Messico, perché non vi è semplicemente alcuna informazione e non sono state ancora definite le regole per poterle prendere , ” ha aggiunto. Cattori ha un po’ ripetuto quelle che sono state le parole dell’amministratore delegato del gruppo italo americano, Sergio Marchionne. Il numero uno di FCA in Messico ha detto dunque che la società continuerà con i suoi piani di produzione in Messico e ha annunciato che il prossimo lunedì inizierà anche la produzione di Jeep Compass presso lo stabilimento di Toluca, in Messico.

Anche Bruno Cattori Ceo di Fca in Messico ha ricordato che Fiat Chrysler ha annunciato un investimento da un miliardo di dollari in due dei suoi impianti negli Stati Uniti, con la creazione di 2.000 nuovi posti di lavoro in Ohio e Michigan, ma ha aggiunto che non si tratta di una situazione nuova ma bensì di un ammodernamento annunciato già un anno fa. Anche secondo Cattori questi investimenti sono “la continuazione di un piano che abbiamo annunciato nel 2015 per modificare l’infrastruttura e adattarsi alle nuove condizioni di mercato, dove SUV e pick up hanno aumentato la loro attrazione nei confronti dei clienti nel mercato auto”.

Cattori  ha pure dichiarato che l’obiettivo del gruppo è quella ” di avere una produzione flessibile che ci permetta di reagire meglio ai cambiamenti del mercato, e può anche esserci un piano B a seconda di quello che accadrà con Trump. Egli ha sottolineato che all’interno del piano annunciato nel 2015 è incluso anche il Messico, con la produzione della Jeep Compass. L’impianto di Toluca sarà uno dei quattro nel mondo che stanno producendo questo modello, insieme con il Brasile, la Cina e un altro la cui produzione sarà destinata per il mercato di Europa e Nord America.

Inoltre, nello stabilimento di Saltillo (nello stato settentrionale di Coahuila), dove si produce il Pick Up Ram, gli operai stanno lavorando al massimo della capacità. “Non abbiamo annunciato nulla in Messico, siamo impegnati e abbiamo un piano d’impresa, e finora non vi è nessun cambiamento , ” ha detto Cattori. Il presidente degli Stati Uniti eletto, Donald Trump, arriva alla Casa Bianca il 20 gennaio. Per quanto riguarda il tema automobilistico, il repubblicano ha espresso il suo sostegno la settimana scorsa al gruppo Ford, che ha annunciato la cancellazione di un investimento di 1.600 milioni di dollari in un impianto che ha in Messico.

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio e Giulia sicure protagoniste al Salone auto di Detroit

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler: si aspettano novità da Trump prima di prendere decisioni sul Messico

Leggi anche: Fiat Chrysler: niente Spin-off di Alfa Romeo e Maserati, parola di Sergio Marchionne

E ‘ inoltre il neo Presidente che aveva lanciato critiche alle società statunitensi che hanno spostato la produzione in altri paesi e aveva minacciato di imporre dazi sull’importazione di tali beni negli Stati Uniti , ha accolto con favore l’annuncio di un investimento del gruppo Fiat Chrysler per modernizzare i propri impianti in USA per fare nuove versioni dei veicoli Jeep Gran Wagoneer e Wagoneer .