Alfa Romeo Giulia e Stelvio: protagonisti nel rilancio dell’economia del Lazio

di -

Il 2016 è stato l’anno dell’inizio del rilancio internazionale di Alfa Romeo con l’avvio della produzione dei primi due modelli, la Giulia e lo Stelvio, entrambi prodotti nello stabilimento laziale di Cassino. Sia la berlina che il nuovo SUV ricoprono un ruolo fondamentale per il futuro di Alfa Romeo ed hanno il compito di rilanciare l’immagine del brand preparando il terreno a sei altri modelli, tra cui trovano spazio anche la nuova Giulietta, la futura ammiraglia ed il SUV di segmento E, che arriveranno sul mercato entro la metà del 2020.

I progetti Giulia e Stelvio giocano un ruolo importante anche per l’economia della regione Lazio, come sottolineato oggi da IlSole24Ore, quotidiano punto di riferimento per le analisi economiche in Italia. Con oltre 4 mila dipendenti e 460 fornitori, lo stabilimento di Cassino rappresenta il cuore industriale della regione e un sostanziale contribuito all’economia italiana. Molte aziende laziali in questo periodo non stanno attraversando un momento particolarmente roseo. Tant’è che le esportazioni delle industrie regionali nel corso del terzo trimestre dello scorso anno sono in leggerissimo calo (-0.1%). Anche a livello occupazione la crescita è comunque limitata e i livelli pre-crisi sono ancora molto lontani. alfa-romeo-giulia-1

La produzione a regime dell’Alfa Romeo Giulia, già iniziata da alcuni mesi, e del SUV Stelvio, al via a brevissimo, contribuirà alla crescita di tantissime aziende locali chiamate ad affiancare FCA nell’ambizioso progetto che vede la realizzazione di due modelli che saranno commercializzati, con volumi di vendita significativi, in tutto il mondo. FCA prevede l’assunzione di circa 1800 nuovi dipendenti di cui 1200 già nel corso del 2017.

Leggi anche: Alfa Romeo: da Mirafiori partirà la conquista del mercato delle auto di lusso

Il progetto di crescita di Alfa Romeo è legato a doppio filo agli stabilimenti italiani di FCA, dove verranno prodotti tutti i nuovi modelli ed i vari motori che andranno a comporre la gamma. Cassino, con la produzione di Stelvio e Giulia, è il punto focale di questo programma di espansione. A conti fatti, lo stabilimento laziale ha tutte le potenzialità per tornare a lavorare a pieno regime nel corso dei prossimi anni. alfa-romeo-stelvio

In futuro, inoltre, Alfa Romeo dovrebbe produrre anche un terzo modello a Cassino. In queste settimane, infatti, è ancora in corso un’analisi approfondita sul futuro della nuova Giulietta, la segmento C che arriverà nei prossimi anni per sostituire l’attuale modello ancora in produzione (anche se con volumi nettamente ridotti rispetto al passato) nello stabilimento laziale. Per ora la nuova Giulietta, che sarà realizzata anche in una variante crossover, non ha ancora una sede di produzione definitiva con Cassino e Pomigliano d’Arco che rappresentano, di fatto, le uniche soluzioni praticabili.

Il ruolo di Alfa Romeo nell’economia italiana è comunque evidente. La casa italiana punta a raggiungere il target di 400 mila unità vendute all’anno (tutte prodotte in Italia) e potrebbe contribuire, in modo sostanziale, alla crescita progressiva delle economie locali, in particolare a Cassino dove, come evidenziano i numeri, vi è un enorme indotto che potrebbe beneficiare, in modo evidente, del successo internazionale di modelli come la Giulia e lo Stelvio. Continuate a seguire ClubAlfa.it anche nel corso delle prossime settimane per tutti gli aggiornamenti sui nuovi modelli di Alfa Romeo in arrivo sul mercato.

  • umberto

    E sicuramente positivo il risultato ottenuto e la mia speranza è che possa migliorare sempre di più in modo da creare maggiore occupazione sia diretta che indiretta…. questo primo passo, comunque, è la dimostrazione che troppa gente ha raccontato frottole, Fiat in Italia investe, non chiude un bel nulla ma aumenta la sua presenza

    • gil upnatistim

      Umberto non dimenticare una piccola cosa: gli italiani si lamentano sempre, ma sono anche molto esterofili. Guarda quante Audi e Vw comprano ancora nonostante adesso l’offerta FCA ci sia. Ma è come parlare al vento.

      • Angelo fornaro

        Bravo Gil. Aggiungerei è come buttare acqua santa ad un morto. Cmq, dal mio punto di vista dico. Sicuramente se le vendite ci saranno ne beneficerà solo l’azienda in questo caso FCA. Ma da dire che se si lavora in generale parlo come ooeraio/a certo l’economia gira non lo metto in dubbio certo non gratifichera’ l’economia del paese

        • umberto

          Non sono d’accordo con te perché l’azienda è composta da tutti quelli che ci lavorando quindi il beneficio si riversa su tutti …. dopodiché più lavoro determina maggiore disponibilità economica per molte più persone le quali spendono e di conseguenza ne beneficia l’economia globale dello Stato

          • giuliog02

            …. e in particolare quella locale. I dipendenti dell’azienda ( e dei fornitori )spendono. Ne traggono beneficio i negozianti, gli artigiani, i proprietari di casa che affittano alloggi, gli albergatori e ristoratori locali, etc, etc, etc.
            Ben venga il pieno rilancio di Alfa Romeo

            • umberto

              Sicuramente quella locale ha un riscontro maggiore, ma tanti prodotti che vengono acquistati in tale zona provengono da altre parti del paese e quindi i benefici si espandono

          • Angelo fornaro

            Punti di vista. Caro sono punti di vista

      • umberto

        Non ho dubbi che vi siano troppi italiani inutili, vedi le persone possono, giustamente, comprarsi ciò che vogliono l’importante è che poi non rompano i c…… se le cose vanno male … io i miei soldi preferisco darli ad un’azienda che da lavoro agli italiani

      • giuliog02

        Non solo c’è l’offerta FCA, ma nella testa di una persona normale l’immagine di VW dovrebbe essere profondamente danneggiata per lo scandalo dei diesel negli USA. Basti pensare che la VW l’ha fatta così grossa che hanno concordato una multa da 14,7 miliardi di dollari e la disponibilità a riacquistare i veicoli diesel venduti in quel paese ( mi pare 455.000 )……… . Ma da noi ci sono ancora individui che acquistano da un simile fornitore…….. . Sarebbe come se io fossi così ( diciamo ) gonzo da acquistare vino da un vinaio che è appena stato scoperto ( e multato ) dai Carabinieri del NAS perché vendeva vino adulterato ( acqua , zucchero, colorante, alcool metilico e un pizzico di primitivo di Puglia per dargli corpo )……….

  • gil upnatistim

    Continuo a ribadire che accomunare la fabbricazione delle nostre auto con il rilancio dell’economia, cosa peraltro implicita, è come chiedere la carità. Se Alfa Romeo vende queste macchine è perchè sono ottime macchine. Tutto quello che ci sta sotto di politichese, se lo guardino in altra sede. Qui parliamo di motori. Ma fate come volete se vi piace essere sudditi a vita.

  • Angelo fornaro

    Aggiungo, se l’economia del paese è messa al meno meno dobbiamo ringraziare solo quei sciacalli del governo. ….Renzi Padoan Poletti con il jobact è tutti gli altri appena arrivati .(CERTO NON VOTATI) .VI AUGURO BDOMENICA