Chrysler Pacifica 2017 ibrida avrà un rendimento di 84 miglia per gallone

Chrysler Pacifica 'eHybrid'.
Chrysler Pacifica 'eHybrid'.

Chrysler Pacifica 2017 ibrida è nuova monovolume ibrida con motore a benzina / elettrico di Fiat Chrysler Automobiles. Il gruppo italo americano diretto dall’amministratore delegato Sergio Marchionne, oggi ha comunicato che questo modello avrà un rendimento pari a 84 miglia per gallone in modalità elettrica e 32 miglia in città e autostrada in modalità ibrida. Questi numeri sono stati confermati dai responsabili del gruppo automobilistico italo americano nella giornata di mercoledì 30 novembre 2016.

Chrysler Pacifica 2017 ibrida: il più efficiente minivan sul mercato secondo FCA

Il minivan Chrysler Pacifica 2017 è andato in vendita solo pochi mesi fa, e la versione ibrida sarà in distribuzione a partire dal mese di dicembre. La società ha anche dichiarato che Chrysler Pacifica 2017 è la prima monovolume ibrida negli Stati Uniti ed è  pure il minivan più efficiente sul mercato. La società ha detto che i dati sono stati confermati dalla Environmental Protection Agency degli Stati Uniti. Questa automobile ibrida di Fiat Chrysler Automobiles dunque è capace di percorrere 33 miglia (53 chilometri) con le sue batterie, dopo di che questa passerà alla modalità ibrida.

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia 2.2 Diesel: BR-Performance aumenta la potenza a 232 Cv

Il minivan Chrysler Pacifica 2017
Il minivan Chrysler Pacifica 2017

Leggi anche: Fiat Chrysler investe 100 milioni di euro nel centro di Ricerche di Torino

Il minivan in versione ibrida costa 41.995 dollari ma con credito d’imposta di 7.500 dollari

Chrysler Pacifica 2017 ibrida arriva sul mercato americano con un costo pari a 41.995 dollari. Ricordiamo però che da questa somma va detratto un credito d’imposta pari a 7.500 euro che il Governo degli Stati Uniti ha previsto per chi acquista questo tipo di auto. Presto dunque sapremo come il mercato Usa accoglierà questa novità su cui Fiat Chrysler punta forte e che potrebbe rappresentare l’antipasto di quella che nei prossimi anni si prospetta come una vera e propria rivoluzione per il gruppo di Sergio Marchionne e più in generale per il mercato.