FCA: Fitch Rating migliora il suo outlook

di -
FCA
FCA

Per Fiat Chrysler Automobiles (FCA) arrivano ottime notizie. Fitch Ratings ha comunicato nelle scorse ore con un’apposita nota di aver confermato il rating sul debito a lungo termine di FCA a “BB-” e di aver migliorato l’outlook a positivo dal precedente stabile. Si tratta dunque di una buonissima notizia per il gruppo diretto dal numero uno, l’amministratore delegato Sergio Marchionne Il rating a breve termine è confermato a “B”.

Per effetto di questa decisione di Fitch Ratings le obbligazioni targate FCA non hanno subito variazioni rilevanti nei prezzi. Questo è dovuto anche al fatto che le vendite di auto in Europa vanno molto bene e dunque FCA sta recuperando nel vecchio continente importanti quote di mercato. Questo vale sia per quanto riguarda il nostro paese sia per quanto concerne i paesi stranieri. 

FCA sempre più dipendente dall’andamento del mercato negli Usa ed in Europa

Secondo gli analisti, FCA dipende sempre più dall’andamento delle vendite negli Usa e in Europa, continenti dove realizza la stragrande maggioranza delle sue immatricolazioni. Proprio per questo motivo diventa assai importante capire cosa porterà al settore automotive l’elezione a Presidente degli Usa di Donald Trump.  Proprio negli Stati Uniti il marchio Fiat sta subendo un rallentamento nelle vendite che è maggiore rispetto a quello medio del mercato e questo preoccupa un po’.

Proprio per questo motivo gira voce che Fiat sia pronta ad abbassare il prezzo di Fiat 500 negli Usa per fare riprendere fiato al suo brand. Per far fronte ad un calo nelle consegne pari al 20 per cento è probabile uno sconto di circa 4 mila euro su Fiat 500. 

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: al Motor Show si potrà guidare

FCA
FCA

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia 2.2 Diesel: BR-Performance aumenta la potenza a 232 Cv

L’obiettivo in tale maniera è di quello di contrastare la concorrenza di suv e pickup che sempre più spesso sono preferiti dagli americani alle piccole utilitarie che erano diventate di moda con la crisi. Vedremo dunque se Fiat riuscirà a cambiare la tendenza negli Usa e soprattutto se FCA potrà beneficiare di ciò anche nei prossimi anni.