Bollo auto e revisione: ecco cosa ha deciso la Camera

Bollo auto

Nei giorni scorsi si era parlato molto della possibilità che con la prossima Legge di Bilancio si sarebbe potuto agganciare il pagamento del bollo auto alla revisione. Infatti il cosiddetto emendamento Ribaudo, dal nome del deputato che lo aveva proposto, prevedeva che non si sarebbe potuto sottoporre il proprio veicolo a revisione se questo non fosse stato in regola con il pagamento del bollo auto.

Insomma questo emendamento dava alle officine autorizzate anche il compito di controllare se l’automobilista fosse in regola con il pagamento di questo balzello. Ovviamente la proposta ha sollevato molte polemiche nei giorni scorsi e anche non poche critiche da parte di automobilisti e addetti ai lavori e mondo della politica.

Bollo auto e revisione: la Commissione Bilancio respinge l’emendamento

Dobbiamo però segnalare che ieri, in seguito al parere contrario del relatore al disegno di legge di Bilancio, Mauro Guerra del PD, la commissione Bilancio della Camera ha respinto questo emendamento. Questo significa che almeno per adesso è scongiurato il pericolo di dover pagare il bollo auto per poter sottoporre la propria vettura alla revisione.

Questo significa che l’emendamento nonostante fosse stato approvato in Commissione Finanze non sarà nel testo che verrà esaminato nei prossimi giorni a Montecitorio. Ovviamente ciò non toglie che questo possa anche essere presentato nuovamente e votato, ma visto che il governo del Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha mostrato tutta la sua contrarietà, sembra difficile che questo possa realmente avvenire.

Leggi anche: Bollo auto storiche: cattive notizie per i possessori di auto da 20 a 30 anni

Bollo Auto
Bollo auto e Revisione: emendamento respinto dalla Commissione Bilancio della Camera

Leggi anche: Bollo auto: dal 2017 il mancato pagamento impedirà la revisione

Emendamento respinto per le complicazioni che questo avrebbe portato

Principalmente, il motivo per cui questo emendamento è stato respinto, è che questo avrebbe comportato parecchie complicazioni non solo agli automobilisti ma anche alle officine autorizzate. Inoltre il legame con la revisione avrebbe, a detta degli esperti, trasformato il bollo auto da tassa di proprietà a tassa di circolazione.

Tra l’altro una simile novità, come fanno notare molti osservatori, non avrebbe giovato alla popolarità del governo di Matteo Renzi in un momento molto delicato, quando ci troviamo ormai a pochi giorni dal referendum Costituzionale, che probabilmente deciderà le sorti di questo governo. Questo anche perchè il bollo auto è una delle tasse meno amate in assoluto dagli italiani insieme al Canone Rai e dunque in questo momento meglio lasciar perdere.

  • e basta con sto bollo….mettiamolo sul costo del carburante e basta!!!! Così non serviranno più controlli e controllori.

  • Francesco Da Lio

    Maledetto bollo e superbollo . Con tutto quello che ci costa la benzina e’ scandaloso pagare cifre assurde e sopratutto non correlate al vero prezzo auto ma ai cavalli auto .