Alfa Romeo Stelvio: tutte le informazioni ufficiali trapelate al debutto

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio
Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio

Alfa Romeo Stelvio è arrivato, il primo suv del Biscione questo pomeriggio ha fatto capolino al Los Angeles Auto Show dove è stato presentato dai vertici del Biscione durante una vera e propria cerimonia ricca di sorprese.  Alfa Romeo Stelvio arriva a 14 anni dalla presentazione del Concept Kamal mostrato al Salone dell’auto di Ginevra. Con questo SUV,  la storica casa automobilistica del Biscione vuole conquistare apertamente il mercato americano ed infatti non è un caso che la sua presentazione sia avvenuta proprio a Los Angeles piuttosto che in Europa. Questa automobile infatti ha tutte le carte in regola per piacere all’esigente pubblico statunitense che da molti anni aspetta di trovare sul mercato un modello di Alfa Romeo di questo tipo.

Alfa Romeo Stelvio: tutte le carte in regola per fare bene negli USA

Alfa Romeo Stelvio infatti, forse anche più della berlina Alfa Romeo Giulia, potrebbe essere capace di raggiungere importanti numeri di vendita nel continente Nord Americano, una cosa che al Biscione non accade da troppo tempo e con cui vuole conquistare innanzitutto il mercato americano che è quello più florido per questo genere di auto. Le immagini confermano il forte family feeling con la berlina Giulia che come si era intuito già da tempo rappresenta il punto di riferimento estetico per le future vetture del brand italiano di Fiat Chrysler Automobiles. 

alfa-romeo-stelvio
Alfa Romeo Stelvio con il numero uno del Biscione, l’amministratore delegato Reid Bigland

Si ipotizza nuovo giro di pista record al Nurburgring

Oltreoceano saranno disponibili due motorizzazioni, il 2.0 turbobenzina da 280 CV e il 2.9 V6 bi-turbo da 510 CV, entrambe dotate di trazione integrale Q4, mentre in Europa si aggiungeranno le versioni 2.2 diesel da 180 e 210 CVLa produzione, infine, inizierà il prossimo anno con tredici colorazioni disponibili. E’ stato anche comunicato che questo veicolo sarebbe capace, secondo simulazione aziendale, di compiere il giro di pista record della sua categoria nel circuito tedesco del Nurburgring con 7’59” esatti. Si tratta di un’impresa già realizzata del resto nella propria categoria dalla berlina di segmento ‘D’ Alfa Romeo Giulia.

Leggi anche: AlfaRomeo Stelvio Quadrifoglio, prime foto ufficiali sul web

Alfa Romeo Stelvio
Alfa Romeo Stelvio: foto ufficiale

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio: live streaming presentazione dal Los Angeles Auto Show

Velocità massima e trazione integrale

Anche in questo caso è stato scelto di mostrare in anteprima il top di gamma Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, al pari di quanto avvenuto con la berlina Giulia.  Questa versione di Stelvio è equipaggiata con il medesimo propulsore della berlina: V6 Biturbo a benzina da 510 CV sviluppato da Ferrari.  A differenza di Alfa Romeo Giulia qui però questo motore viene abbinato alla trazione integrale Q4 e non a quella posteriore.  BMW X4, Audi Q5 e la Porsche Macan sono alcuni dei modelli ai quali Alfa Romeo Stelvio tenterà di fare concorrenza. 

Reid Bigland sul palco di Los Angeles, ha anche affermato che questo modello arriva ad una velocità massima di 177 miglia orarie corrispondenti a 285 chilometri orari. A detta dell’amministratore delegato del brand italiano questo veicolo garantisce “un’esperienza di guida entusiasmante”. Per quanto riguarda i prezzi questi al momento non sono stati resi ancora noti. Certamente nei prossimi giorni ne sapremo di più. La produzione del veicolo inizierà agli inizi del 2017 con qualche settimana di ritardo rispetto a quanto ipotizzato in precedenza. 

  • don vito

    0-100/3.9 sec.

  • Alex Pierre Ilario Francesco Leonardo

  • umberto

    Gran bella Alfa, sicuramente otterrà dei buoni risultati di vendita, tranne in Italia, siamo pieni di inutili esterofili!

  • giuliog02

    Affascinante come una bella donna di carattere.
    E poi, il rosso si addice all’Alfa.

  • cipo

    WOW!..ma da vedere meglio in più foto..e dal vivo.. perchè quando vedo le forme della coda che richiamano i coupè ho sempre un po’ di paura.. (impatto non sempre gradito..ecc.. ) ma forse mi sbaglio..