Alfa Romeo: Autocar parla di 9 nuove vetture per il Biscione entro il 2020

Alfa Romeo
Alfa Romeo: Autocar conferma 9 nuovi modelli nei prossimi anni arricchiranno la gamma del Biscione

Autocar, celebre rivista di motori, nel suo ultimo numero in edicola dedica ampio spazio al futuro di Alfa Romeo. Il magazine automobilistico avvisa i propri lettori che in questi anni una vera e propria rivoluzione interesserà la gloriosa casa automobilistica del Biscione.

Si parla addirittura di ben 9 nuovi modelli che sbarcheranno sul mercato direttamente dagli stabilimenti italiani del gruppo da qui alla metà del 2020. Dunque Alfa Romeo Giulia, come spesso vi raccontiamo rappresenterebbe solo la punta dell’iceberg di quella che si prospetta come una vera e propria rinascita per il Biscione.

Alfa Romeo: 3 Suv nei piani di Sergio Marchionne

Autocar racconta che dopo Alfa Romeo Giulia e Stelvio, primo suv nella storia del Biscione, arriveranno numerosi altri modelli, alcuni attesi da tempo altri invece che solo di recente si è scoperto arricchiranno la gamma del brand italiano di Fiat Chrysler Automobiles. In totale i Suv saranno 3, secondo quanto racconta Autocar a conferma dei piani industriali esposti nei mesi scorsi dall’amministratore delegato Sergio Marchionne.

Il primo dei due ad arrivare dovrebbe essere il Suv di segmento ‘C’ che nascerà dalla stessa piattaforma della futura Giulietta. Non sappiamo ancora come questo modello sarà denominato ma il suo arrivo dovrebbe avvenire nel 2018. Il suv extra large invece dovrebbe essere uno degli ultimi modelli ad arrivare forse agli inizi del 2020. 

Alfa Romeo Giulia Sportwagon: arriva a fine 2017

Uno dei primi modelli ad arrivare potrebbe però essere Alfa Romeo Giulia Sportwagon, una versione di Giulia che inizialmente si pensava non dovesse arrivare ma che ormai da molti viene data per certa. Anche Autocar ribadisce che molto probabilmente la sua presentazione avverrà nell’autunno del 2017 cioè tra circa un anno.  Questo senza dimenticare l’arrivo dell’ammiraglia che si potrebbe chiamare Alfetta e che arriverà senza dubbio nel corso del 2018. Questa vettura avrà un elevato valore simbolico rappresentando la top di gamma del Biscione e andando ad inserirsi in un segmento di mercato che rappresenta il top per la categoria dove sfiderà mostri del calibro di Bmw Serie 5.

Le sportive e la nuova generazione di Giulietta, forse in due diversi modelli

Per quanto riguarda le auto sportive queste saranno due: una Spider e una coupè. Al momento però su questi due nuovi veicoli le idee non sono ancora molto chiare. Qualcuno ipotizza che la vettura sportiva che arriverà sarà più grande della 4C, ma al momento si sa poco. Invece grande interesse desta la futura generazione di Alfa Romeo Giulietta. Questa sarà completamente diversa dal modello attuale. La futura vettura nascerà su una versione accorciata della piattaforma modulare Giorgio e sarà dunque dotata di trazione posteriore divenendo una delle poche vetture della sua categoria a poter vantare questa caratteristica.

Leggi anche: Dodge Challenger su base Alfa Romeo Giulia: i fan delusi dai ritardi

Alfa Romeo
Alfa Romeo: Autocar conferma 9 nuovi modelli nei prossimi anni arricchiranno la gamma del Biscione

Leggi anche: Fiat Chrysler Brasile: le vendite crescono del 14.85% nel mese di ottobre 2016

Il Biscione muta pelle

Si vocifera anche che addirittura potrebbero essere due i modelli di Giulietta immessi sul mercato. Il primo andrà a rimpiazzare il modello attualmente presente sul mercato, rappresentando la sua diretta discendente, mentre la seconda versione, secondo i soliti bene informati sarà una sorta di versione accorciata di Alfa Romeo Giulia. Questa ulteriore conferma su quello che accadrà nei prossimi anni alla casa automobilistica milanese ci da l’ulteriore conferma che le novità che attendono i numerosi fan alfisti saranno molteplici nei prossimi anni. Si può tranquillamente parlare di vera e propria mutazione per il Biscione che da qui a breve cambierà totalmente pelle  rispetto al passato recente.

  • Mons

    Le versioni SW non si possono considerare nuovi modelli.
    Come se la Tipo non fosse 1 ma 3 auto diverse

    • umberto

      mi sembra un’osservazione corretta, difatti i vari sostenitori di cessi stranieri parlano di una marea di modelli, ma in effetti, per esempio audi ha 13 modell,….. e tutti a parlare di una quantità enorme di cessi!….

  • Francesco Tarquinio

    i progetti sono “961”(Alfetta) “962” (Giulietta e crossover seg, C.) “963” Coupè e spieder meno costosa di 4c “964” E Suv su base “961” e una supercar 6c con v6 Giulia con almeno 650 cv.

    • Blackimp

      ho appena saputo che posso rimandare l’acquisto della macchina di un anno. a fine 2017 esce la nuova golf. spero esca anche la nuova Giulietta in quel periodo: se avrà la qualità della Giulia sarà un bel confronto.

      • Alessandro

        Inevitabilmente la qualità delle vetture post Giulia saranno molto più elevate e quindi pure Giulietta sarà di qualità superiore.Le Vag saranno sempre assemblate molto bene( in questo i tedeschi sono bravi) ma a livello motoristico hanno ancora molta strada da fare per raggiungere qualità premium

        • Blackimp

          mah non so perché dici questo sui loro motori che consumano poco e sono parecchio brillanti anche se so che hano avuto dei problemi seri poi risolti. la VW ha appena annunciato che sostituisce i tsi 1.4 con dei 1.5. finalmente almeno loro han capito che troppo downsize non è così vantaggioso

          • Alessandro

            Tsi e tdi avrebbero bisogno di un bel upgrade tecnico.Guardare solo le schede tecniche può fuorviare.Sono brillanti? Non lo metto in dubbio anche se ho guidato sia motori Vag,Fiat,ford e Opel.Da 5 anni sto a cavallo di un tdi.I difetti dei motori vag sono tanti,tanto per disquisire consumano un mare di olio sia i benzina che i tdi ( faccio 8 etti di olio ogni 17/18 mila km e in Audi si parla di di vetture anche più assetate),testate incrinate,valvole Egr già a 90 mila km da sostituire e poi per ultimo la cinghia di distribuzione ( se hai notato VW sta facendo la campagna pubblicitaria per il 30% di sconto sulla sostituzione della cinghia invece di fare dei pubblici richiami),turbine fuse a 150 mila km,volani bimassa che saltano come caramelle ecc….
            In ultima analisi mettici pure l’arroganza dei centri assistenza dove ti dicono che i loro non sono difetti ma cose normali ( tipo motori come friggitorie) e poi ti dicono:” Mica è una Fiat”.
            I difetti li hanno tutti ma alcuni li nascondono mentre altri cercano di metterteli a posto.
            Per quanto mi riguarda: Multijet e Multiair a vita nonostante i loro difetti

            • Blackimp

              mah se il multiair va meglio non posso che esserne felice; l’arroganza tedesca sarei felicissimo di punirla; però i nuovi tsi mi sembra che non abbiano più i problemi di olio che avevano i vecchi e adesso ci sono i nuovi a ciclo miller che promettono bene. vedremo. sarei più che felice di comprare un’alfa se uscisse la giulietta nuova domani. Al momento però, estetica a parte, trovo la golf fatta meglio.