Nuova Jeep Compass: lanciata in Brasile nelle scorse ore dai concessionari

Nuova Jeep Compass
Nuova Jeep Compass

La nuova Jeep Compass è stata lanciata nelle scorse ore a Teresina, presso le concessionarie Unite in Giovanni XXIII College Avenue. Si tratta del nuovo SUV premium di Jeep, un veicolo di medie dimensioni che si presenta con un nuovo design più moderno rispetto a quello del suo predecessore e con il comfort e la sicurezza che solo la famiglia Jeep è in grado di assicurare con la propria gamma di veicoli.  Per quanto riguarda il mercato del Brasile, la nuova Jeep Compass sarà disponibile in quattro versioni, con prezzi che partono da R $ 99.990: Sport, Longitudine, Limited e Trailhawk.

Alcuni concessionari in Brasile mostrano ai clienti la nuova Jeep Compass

La nuova Jeep Compass può vantare la presenza, almeno per quanto concerne l’importante mercato brasiliano, di due motori 2.0,  uno da 166 cavalli e un diesel, da 170 CV. Il primo è abbinato con un cambio automatico a 6 marce e trazione anteriore. L’opzione diesel è dotata invece di trasmissione automatica a 9 rapporti e modalità 4×4.  La nuova Jeep Compass può vantare inoltre una serie di novità interessanti. Ad esempio, nella versione sport, c’è il pacchetto di sicurezza, con airbag laterali, a tendina e ginocchia (per il guidatore), sedile passeggero con un porta oggetti sotto il sedile. Lo stesso pacchetto, con qualche piccolissima modifica è disponibile anche nelle versioni Longitudine. 

La nuova Jeep Compass sarà prodotto a Goiana in Brasile

La nuova Jeep Compass dispone anche del nuovo Premium Pack, che comprende sedili in pelle, Beats audio, sensori di luce e pioggia, antiriflesso e tetto apribile panoramico. La produzione di Jeep Compass avverrà con  Jeep Renegade e Fiat Toro presso lo stabilimento Fiat Chrysler Automobiels a Goiana nello stato di Pernambuco. Con questi modelli ed in particolare con Renegade, la nuova Jeep Compass condividerà anche parte della meccanica. Questo veicolo però è ben 19 cm più lunga della Renegade. Questa automobile infatti può vantare le seguenti misure: 4,42m di lunghezza, 2,64 m di passo, 1,82 m di larghezza e 1,65 m di altezza.

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia: ecco cosa ne pensano i giornalisti Usa dopo i test drive

La nuova Jeep Compass
La nuova Jeep Compass è stata lanciato oggi a Teresina, presso le concessionarie Unite di Giovanni XXIII College Avenue in Brasile

Leggi anche: Chrysler 200: la berlina la più penalizzata dal riconteggio delle vendite

Debutto internazionale al Los Angeles Auto Show

Il bagagliaio della nuova Jeep Compass avrà una capienza di 410 litri, non male per una vettura della sua categoria. Secondo Jeep, il nuovo Compass è il SUV con una migliore coefficiente aerodinamico della sua gamma, con 0.35. Ora che i primi concessionari stanno svelando ai propri clienti il nuovo modello non rimane che la presentazione ufficiale. Questa potrebbe avvenire nel corso del prossimo salone auto di San Paolo il prossimo 10 novembre. Il debutto internazionale invece avverrà in occasione del Los Angeles Auto Show il 16 novembre assieme al suv Alfa Romeo Stelvio. I due nuovi Suv di Fiat Chrysler Automobiles saranno tra i principali protagonisti del 2017 automobilistico.

  • fca sta diventando proprio brava… le auto arrivano in concessionaria prima ancora che i giornalisti le descrivano!!!

    • gil upnatistim

      Ha ancora il punto debole dei richiami.. ma appena risolve dovremo dire che appare una best seller dell’automotive: per varietà di mezzi, mix e qualità oggettiva.

      • naja

        i richiami penso continueranno a far parte del futuro, per tutti i costruttori, non é un problema ma una scelta, nemmeno Toyota si vergogna piú, anzi.
        la tecnica diventa sempre piú complicata, ma l’ industria si é condannata da sola a dover diventare sempre piú efficiente, quindi anche i tempi di sviluppo si accorciano sempre piú.
        l’ ultima parte dello sviluppo, il controllo finale di qualitá, lo fanno ormai i clienti, sembra che oggi convenga di piú fare un richiamo gigantesco ogni tanto, anche solo per un sospetto, che escludere il problema a priori.
        bisogna anche peró ammettere che i costruttori, sapendo questo, sono diventati molto piú sensibili e addirittura concilianti.
        prenda il caso attuale dell’ automatico Jeep, solo dieci anni fa FCA (o chiunque altro) avrebbe sfruttato tutte le istanze possibili e immaginabili per dimostrare che i clienti sono stupidi, e non il cambio pericoloso, costi quel che costa.
        …e sarebbe stato uguale quanti Darwin Awards avrebbero vinto i clienti…
        alla fine ci sarebbe stato un adesivo in piú vicino alla leva del cambio, con su scritto “N vuol dire N, P vuol dire P”…
        …e non solo milioni buttati via ma altrettanti morti come prima, ma mica é colpa di FCA, non é l’ arma che uccide ma chi la usa.
        oggi non ci sono piú soldi da buttar via, invece che pagare gli avvocati si fa un richiamo, l’ auto viene migliorata, ci sono meno morti o problemi, e tutti ci guadagnano, soprattutto l’ immagine del costruttore che si preoccupa per il cliente.

        sicuramente la qualitá di FCA é arrivata ad un buon livello, anche se mi stupisce per esempio che la Renegade abbia ricevuto voti cosí negativi dal Consumer Report.
        la varietá di marchi piú o meno c’ é, anche se altrettanti marchi sono giá morti o quasi.
        …ma la varietá di modelli é un sogno, non la realtá del presente.
        spero anch’ io che sia solo una questione di tempo e soldi, per il momento peró non si puó proprio dire che FCA offra una paletta di modelli ma neanche quasi completa, in assolutamente nessun segmento.
        e parecchi modelli sono vecchiotti, o in via di estinzione.
        questo é il problema, assieme al paio di flop negli USA, ma é un problema che si potrá risolvere solo poco a poco e solo se il successo continua.
        …e giá questo potrebbe diventare difficile, quando Marchionne se ne va…

        • remo bianchi

          Ok sono d’accordo ma bisogna crederci perché comunque è megliio adesso che 5 o 10 anni fa.Ogni modello e comunque in linea con la concorrenza e questo significa che è cambiato qualcosa.Oltre ai modelli bisogna cambiare la mentalità e lo stile di rete commerciale ed assistenza che giocano un ruolo fondamentale per potersi lanciare e combattere ad armi pari con i migliori.Oggi comunque i modelli ci sono…..non sono tanti ma sono al top.