Chrysler 200: la berlina la più penalizzata dal riconteggio delle vendite

La berlina Chrysler 200 è stata negli Usa una delle auto più penalizzate dal riconteggio delle vendite degli ultimi anni che ha coinvolto Fiat Chrysler. Questo è avvenuto dopo lo scandalo scoppiato negli scorsi mesi, quando un concessionario ha accusato il gruppo diretto dal numero uno Sergio Marchionne di aver pagato i concessionari per  registrare vendite fittizie e far crescere i dati complessivi delle immatricolazioni per il gruppo italo americano. La più grande differenza tra i dati di vendita mensili originariamente riportati di Fiat Chrysler a partire dal 2015 e la loro successiva rideterminazione, finora ruota attorno alla berlina Chrysler 200. Questa è una vettura su cui la casa automobilistica di Sergio Marchionne ha investito pesantemente e dunque il successo commerciale era indispensabile.

Grandi differenze nelle vendite della berlina Chrysler 200 dopo i nuovi conteggi

Con i riconteggi di Fiat Chrysler avvenuti in questi ultimi mesi, i totali mostrano che la berlina media di FCA era molto meno popolare di quanto originariamente riportato. Durante il periodo di tre mesi che comprende luglio, agosto e settembre 2015, FCA USA ha originariamente riferito che ha venduto il 21 per cento in  più di Chrysler 200 (8.577 veicoli). In realtà in quello stesso periodo facendo di nuovo i conti, con il nuovo metodo di conteggio che tiene conto solo delle auto effettivamente consegnate ai clienti, i veicoli venduti della celebre berlina Chrysler sono stati 7.547. Ciò significa Fiat Chrysler originariamente ha segnalato oltre mille unità in più di quanto effettivamente immatricolato.

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia: ecco cosa ne pensano i giornalisti Usa dopo i test drive

Chrysler 200
Chrysler 200: dopo i riconteggi delle vendite di Fiat Chrysler è una delle auto più penalizzate

Leggi anche: Alfa Romeo Stelvio: AutoBild immagina così il primo Suv nella storia di Alfa

Nessun commento da Fiat Chrysler Automobiles

Al momento Fiat Chrysler Automobiles rifiuta di commentare le differenze. La società ha detto che sta cooperando con un’indagine federale per fare chiarezza sulle sue precedenti segnalazioni di vendite, per capire se realmente qualcosa di illegale è avvenuto. Sempre a proposito del gruppo del presidente John Elkann segnaliamo che il veicolo con la più grande differenza tra i report delle vendite di FCA precedenti, che si basavano sulle auto nei concessionari FCA e quelli attuali, è stata la Dodge Charger, con 2.258 vendite in più del reale.
  • ogni azienda conteggia le proprie vendite fatte ai dealer e non ai clienti finali…..in ogni settore…

    • umberto

      Difatti…. Non capisco questa polemica…. Per fca le vendite sono quelle che consegna ai concessionari…. È indubbio che sono differenti da quelle delle immatricolazioni! La cosa assurda è che ci sia voluta una indagine del fbi per capire questa normalità ….. Pensavo avessero di meglio da fare!