, ,

Ferrari: Sergio Marchionne studia la rivoluzione per tornare a vincere in F1

Nonostante le cose per Fiat Chrysler Automobiles di questi tempi vadano molto bene Sergio Marchionne non è soddisfatto. Il motivo di questa insoddisfazione del numero uno del settimo gruppo mondiale nel settore auto è da ravvisare negli scarsi risultati che Ferrari da qualche tempo a questa parte sta ottenendo in Formula Uno. A nulla infatti sono serviti tutti gli accorgimenti presi nell’ultimo anno dall’amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles, il quale ha cercato in tutti i modi di risollevare le sorti del Cavallino Rampante nella massima competizione automobilistica del mondo.

Ferrari: Sergio Marchionne medita una rivoluzione in Formula Uno

Sergio Marchionne si sarebbe convinto che per riportare Ferrari al successo sia necessaria una vera e propria rivoluzione. Infatti il Ceo di FCA e Presidente di Ferrari non sopporta l’idea che Maranello, nonostante la quotazione in Borsa del titolo sia sempre più forte e il brand abbia un’immagine vincente, non riesca ad ottenere anche in pista i medesimi successi. Alla conclusione della stagione di F1 mancano tre Gran Premi, il primo domenica, in Messico. Conclusa la stagione nel migliore dei modi avrà inizio una vera e propria rivoluzione.

La rivoluzione potrebbe riguardare nel medio termine anche i piloti

Il primo a pagarne le spese dovrebbe essere proprio Arrivabene. Tra i suoi sostituti si fa il nome del francese Boulier, ex McLaren. Mentre è facile ipotizzare che un ruolo sempre più centrale avrà il nuovo direttore tecnico promosso da Sergio Marchionne la scorsa estate estate, ci riferiamo ovviamente a Mattia Binotto. La rivoluzione potrebbe riguardare anche i piloti. Presentato come il nuovo Schumacher, Vettel ha dimostrato sicuramente di essere un campione ma non un fuoriclasse.

Proprio per questo motivo non si esclude che in futuro Marchionne decida di avvalersi delle prodezze del giovane Verstappen. Vettel è reduce da una stagione deludente è il suo contratto scade nel 2017, al momento sembra difficile un rinnovo. Raikkonnen invece sembra piacere molto al Ceo di Fiat Chrysler e dunque potrebbe anche essere confermato per i prossimi anni.

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia: negli Usa primi test drive per la stampa specializzata

ferrari
Ferrari: Sergio Marchionne punta al rilancio in grande stile in Formula Uno e studia un piano

Leggi anche: Sergio Marchionne soddisfatto dei risultati di Alfa Romeo Giulia

Giovinazzi e Verstappen il futuro di Ferrari?

Altra cosa su cui spinge molto Sergio Marchionne è il ritorno all’italianità. Proprio per questo Binotto l’anno prossimo potrebbe avere ancora più spazio di quello avuto quest’anno. Ma questo potrebbe riguardare anche i piloti. In particolare un nome caldo sarebbe quello Antonio Giovinazzi, che in Gp2 sta ottenendo grandi successi, tanto da aver attirato su di se’ le attenzioni di numerosi addetti ai lavori In proposito il manager ha detto che tutte le principali scuderia di Formula Uno hanno chiesto notizie del suo assistito.

Nel 2019 Sergio Marchionne,  lascerà l’incarico di amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles ma non è detto che egli abbandoni il ruolo di Presidente Ferrari. Quindi potrebbe  tentare nei prossimi anni di riportare al successo affiancando a Verstappen un giovane talento italiano come appunto potrebbe essere Giovinazzi. Ovviamente per il momento si tratta di mere supposizioni certamente nei prossimi mesi ne sapremo di più e capiremo quelle che sono le reali intenzioni del numero uno di Ferrari.

Lascia un commento

Loading…