Fiat Chrysler produrrà nuovi veicoli nell’impianto Brampton già nel 2020

di -
Fiat Chrysler Us
Fiat Chrysler Us

Fiat Chrysler Automobiles è pronta a produrre nuovi veicoli presso il suo stabilimento sito a Brampton, Ontario, già a partire dal 2020, se il governo federale e quello dell’Ontario forniranno un adeguato sostegno finanziario. I nuovi veicoli potrebbero basarsi su una piattaforma Fiat Chrysler esistente o nuova, secondo una sintesi di un nuovo contratto di lavoro tra l’azienda e Unifor che è stato distribuito ai membri del sindacato domenica scorsa prima che fosse approvato il contratto di lavoro dei prossimi quattro anni.

“L’azienda si impegna a un prodotto di nuova generazione o un prodotto alternativo che potrebbe includere una piattaforma esistente o una nuova architettura di veicolo”, questo in sintesi prevede il contratto. Un prodotto di nuova generazione potrebbero essere i veicoli di sostituzione per la Chrysler 300 e la Dodge Challenger, due modelli che vengono assemblati proprio in quello stabilimento. L’investimento per preparare l’impianto per una nuova generazione di veicoli è subordinato all’ottenimento di un sostegno finanziario da parte dei due governi, alle condizioni economiche, alla domanda di mercato e ad altri fattori.

“Nel caso in cui le condizioni aziendali siano positive, è possibile dunque che arrivi un prodotto alternativo, ha detto il documento. Il produttore di auto e Unifor hanno raggiunto un accordo provvisorio su un nuovo contratto di quattro anni lo scorso Lunedi. L’accordo prevede un investimento di 325 milioni di dollari nel reparto verniciatura a Brampton. Questo del resto è il più vecchio impianto di verniciatura di Fiat Chrylser  in Nord America. Del resto Unifor e il suo predecessore, il sindacato Canadian Auto Workers, stanno spingendo per un nuovo impianto di verniciatura a Brampton da più di un decennio.

La convinzione del sindacato, è che gli investimenti in impianti di verniciatura a impianti di assemblaggio di solito portano alle aziende l’assegnazione  di nuovi veicoli per gli stabilimenti interessati dal provvedimento. Questo probabilmente potrebbe garantire il futuro dello stabilimento e dunque la salvezza per 3.300 posti di lavoro per quasi un decennio, sulla base del tipico ciclo di un veicolo che dura tra gli 8 e i 10 anni. Un nuovo veicolo o nuova generazione di veicoli infatti stanno sul mercato per quattro o cinque anni prima di essere riprogettati per un altro ciclo di circa la stessa durata di tempo.

Fiat Chrysler potrebbe chiedere un aiuto finanziario  di più di 400 milioni di dollari dai due governi, sulla base di un potenziale investimento di 1 miliardo di dollari da parte della società a Brampton. Uno studio del 2013 fatto per la Canadian Automotive Partnership, un gruppo industriale-sindacale istituito per consigliare i governi, ha detto che le tasse e le altre entrate generate dall’ impianto di auto può benissimo rimborsare i costi degli investimenti.

Leggi anche: Alfa Romeo impatto frontale con Fiat Punto: coinvolto Bossi Jr

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Leggi anche: Maserati: 927 immatricolazioni a settembre, sono 5.459 le vendite del 2016

Lo studio ha mostrato che 200 milioni di dollari in contributi pubblici per mantenere la produzione di 200.000 veicoli nell’impianto di assemblaggio aperto viene generalmente rimborsato attraverso le imposte sul reddito e benefici spin-off entro tre anni. Fiat Chrysler ha investito circa $ 1 miliardo nel suo impianto di assemblaggio a Windsor, Ontario, Per costruire una nuova generazione di minivan che ha cominciato a uscire fuori dalla catena di montaggio all’inizio di quest’anno.