Alfa Romeo Stelvio: su Facebook viene mostrato il proiettore anteriore

Alfa Romeo Stelvio: un confronto con la berlina Giulia sul proiettore anteriore.

Nei giorni scorsi la pagina Facebook ‘Alfa Romeo Project 950’ ha fatto un piccolo scoop mostrando il presunto aspetto definitivo del proiettore anteriore del nuovo suv Alfa Romeo Stelvio. Si tratta del primo Suv della casa automobilistica del Biscione, che farà il suo debutto in novembre al Los Angeles Auto Show e sarà mostrato per la prima volta il prossimo 15 novembre durante la conferenza stampa di presentazione che le varie case organizzano per mostrare i modelli che esporranno durante la manifestazione. La foto in questione mostra il presunto proiettore di Stelvio mettendolo a confronto con quello della berlina Alfa Romeo Giulia. 

Alfa Romeo Stelvio: Piccole differenze con il proiettore anteriore di Giulia

Da questo punto di vista le differenze tra i due modelli appaiono evidenti. Infatti se è vero che il design dei due fari è molto simile, ci accorgiamo a prima vista che il gruppo interno è diverso nel suv Alfa Romeo Stelvio. Il proiettore integra lenti con una forma leggermente diversa e con la presenza anche di una piccola striscia di DRLs LED. Ricordiamo anche che alcune foto spia provenienti direttamente da Cassino nelle scorse settimane hanno rivelato che la fascia anteriore dello Stelvio sarà in gran parte simile a quella della berlina Alfa Romeo Giulia.

Leggi anche: Alfa Romeo Giulia GT Veloce: nuovi render del modello che i fan sognano

Alfa Romeo Stelvio: un confronto con la berlina Giulia sul proiettore anteriore.
Alfa Romeo Stelvio: un confronto con la berlina Giulia sul proiettore anteriore.

Leggi anche: Maserati e Jeep: le ultime news dai due brand di Fiat Chrysler

Il design complessivo della vettura ricorda molto da vicino quello della berlina Giulia

Il design complessivo della vettura è fondamentalmente ciò che ci si aspetterebbe di vedere qualora si trattasse di una versione a Suv di Alfa Romeo Giulia. Di come insomma il veicolo potrebbe apparire qualora fosse realizzata una versione a SUV.  Questo ad ulteriore testimonianza della grande somiglianza che i due veicoli avranno, i quali tra l’altro disporranno della medesima piattaforma modulare ‘Giorgio’ e anche degli stessi motori.

Il compito del nuovo Alfa Romeo Stelvio sarà dunque quello di rivaleggiare nella categoria dei crossover di alta qualità, con rivali del calibro di Porsche Macan, Mercedes GLC Coupé e BMW X4. vedremo dunque se questo obiettivo sarà raggiunto quando il veicolo in questione sbarcherà finalmente in concessionaria nel corso del primo trimestre del 2017, cosi come di recente confermato dal numero uno del biscione, l’amministratore delegato Reid Bigland, che ha preso a maggio il posto di Harald Wester. 

  • Blackimp

    meno male che un po’ di differenziazione c’è. I grafici che si sono prodigati ad indovinare i nuovi modelli prima che fossero svelati non hanno fatto altro che banalissimi copia incolla. Ci sta che il gruppo ottico di un suv sia un po’ più tondeggiante. Certo che quello della Giulia è cattivissimo, molto adeguato alla macchina. Mi piace meno la “bocca” spalancata un po’ sgraziata. Sono sicuro che in un prossimo restyling le daranno qualche elemento che otticamente la fa sembrare più piccola come sulla Giulietta

  • Alfonso

    Credo che l’immagine mostrata sia veritiera. Molto bello e “corposo” come dove essere per un Suv. Auguri agli ingegneri e alle maestranze di Cassino

  • don vito

    Dove sono le full led, matrix,adaptive…..???

    • PIERANGELO FAE

      chiedi a mamma che conserva sempre tutto ;-))

      • don vito

        questa e buona….he he

    • Des Troyer

      In Tedeschia 😁

      • don vito

        Ma anche in Francia e Giappone 🙂

    • gaetano il mio cognome

      ma che si fottano i fulleeeddd, io guardo ben altro

  • Francesco Tarquinio

    LO SCOOP??UN UTENTE DI AUTO PARERI HA FATTO CIO’ TALE PAGINA RUBA SOLO!!!

  • Matteo

    Felicissimo che nn abbiano fatto copia e incolla le differenze sono più di quanto si possa credere