Fiat Chrysler e Unifor: accordo raggiunto in Canada

di -
Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Il sindacato dei lavoratori canadese Unifor ha raggiunto un accordo provvisorio lunedì notte con Fiat Chrysler Automobiles, assicurando la produzione ininterrotta delle grandi berline di Chrysler. L’accordo prevede un impegno ad investire negli impianti di assemblaggio della casa automobilistica di Sergio Marchionne a Brampton, in Ontario. Questo accordo inoltre garantisce agli operai il primo aumento salariale in 10 anni.

Fiat Chrysler accordo raggiunto in Canada

L’accordo è stato raggiunto dopo diversi giorni di contrattazione e, se ratificato da parte dei lavoratori, prevede un investimento di 325 milioni di dollari a Brampton per un nuovo impianto di verniciatura e 6,4 milioni  di dollari per aggiornare l’impianto di colata della casa automobilistica ad Ebitocoke, in Ontario. L’accordo comprende anche 12.000 dollari in bonus e pagamenti forfettari per i lavoratori per tutta la durata del contratto, somme esenti da imposte.

Seconda vittoria di fila per Unifor dopo General Motors

Il contratto rappresenta la seconda vittoria in due mesi per Unifor, che ha avviato le trattative già questa estate per la preoccupazione che i tre stabilimenti in Canada gestite dalle case automobilistiche di Detroit possano chiudere nei prossimi anni. Per Fiat Chrysler, l’accordo provvisorio evita un possibile sciopero che avrebbe chiuso il suo Assembly Plant di Windsor, dove si costruisce la nuova popolare minivan Chrysler Pacifica. Fiat Chrysler, in un comunicato, ha confermato che ha raggiunto un accordo con Unifor, ma ha rifiutato di fare qualsiasi commento aggiuntivo.

Parla Jerry Dias numero uno del sindacato

“Siamo stati davvero profondamente preoccupati per il fatto che l’impianto di verniciatura a Brampton  potesse chiudere dopo più di 30 anni”, ha detto il presidente di Unifor, Jerry Dias, in una conferenza stampa a Toronto. “invece questo stabilimento verrà rimodernato.” Dias ha anche detto che Fiat Chrysler avrebbe fornito una nuova piattaforma per lo stabilimento di Brampton se la qualità continuerà a migliorare, ma ha rifiutato di chiarire che cosa volesse dire. Fiat Chrysler costruisce li la Chrysler 300, la Dodge Charger e la Dodge Challenger presso l’impianto su una piattaforma che non è stata revisionata da più di un decennio.

Leggi anche: Alfa Romeo E-Suv: il render di una vettura che vedremo entro il 2020

Fiat Chrysler
Fiat Chrysler

Leggi anche: Maserati Levante: protagonista da Harrods a Londra in attesa del lancio

Adesso tocca a Ford trovare l’accordo

L’accordo non sarà ufficiale fino a quando i membri del sindacato non voteranno l’accordo la prossima settimana. Dopo di che, Unifor potrà rivolgere la sua attenzione a Ford. Il sindacato ha fissato il termine del 31 ottobre per completare le discussioni con la casa automobilistica di Dearborn. I leader del sindacato canadese hanno detto che i negoziati con Fiat Chrysler hanno avuto esito positivo solo sul filo di lana dopo aver superato un ostacolo importante. FCA, così come rivelato da Dias, era riluttante a fornire lo stesso livello di aumenti salariali che General Motors ha accettato  in un contratto ratificato il mese scorso dai membri di Unifor.