Alfa Romeo: Fiat Chrysler lancia il marchio ‘Cassino plant’

Molte volte vi abbiamo parlato, per quanto riguarda Alfa Romeo, dello stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Cassino. In questa fabbrica infatti verranno prodotte molte delle automobili che caratterizzeranno in futuro la gamma della storica casa automobilistica del Biscione. La prima ad arrivare è stata la berlina di segmento ‘D‘ Alfa Romeo Giulia, che pare andare molto bene sul mercato in questi primi mesi di sbarco in concessionaria. Nei prossimi mesi la Giulia sarà seguita dal primo Suv nella storia del brand automobilistico italiano di Fiat Chrysler Automobiles. Anche Alfa Romeo Stelvio, sarà prodotto nella fabbrica di Piedimonte San Germano a partire dal prossimo mese di dicembre, dopo la sua presentazione che avverrà come ormai tutti sappiamo, al Los Angeles Auto Show di novembre. 

Alfa Romeo: Cassino diventa sinonimo di qualità

Appare dunque evidente come Cassino diventi centrale per il rilancio di Alfa Romeo nel mondo dei motori. Sempre li infatti in futuro verranno prodotti altri modelli tra quelli previsti nella gamma della casa italiana da qui al 2020. Proprio per questo motivo i vertici di Fiat Chrysler Automobiles hanno deciso di fare diventare questa fabbrica sinonimo di qualità, lanciando un vero e proprio marchio: ‘Cassino Plant’. Si tratta del titolo che è stato dato a 4 video lanciati su Youtube dal gruppo diretto da Sergio Marchionne che mostrano la fabbrica sita a Piedimonte San Germano. Dunque questo marchio che va inteso nel senso di ‘Made in Cassino’, rappresenta una sorta di marchio di qualità che viene conferito a tutto quello che esce da quella fabbrica.

Leggi anche: Jeep Grand Cherokee Trailhawk e Renegade DDCT: le novità di Parigi

Alfa Romeo cassino

Leggi anche: Maserati: vendite a razzo in un’importante zona del mondo

A Cassino lavorano circa 4300 persone

Tra l’altro segnaliamo anche che con questa operazione denominata ‘Cassino Plant’, Fiat Chrysler ha deciso di aprire al pubblico lo stabilimento che come detto assume un ruolo centrale per il rilancio di Alfa Romeo. Gli appassionati di motori e i fan del Biscione quindi presto potranno visitare il noto stabilimento in cui attualmente sono impiegati circa 4300 lavoratori, sulla falsa riga di quanto accade nelle fabbriche del Nord Est. Sabato 24 settembre, Cassino aprirà ai parenti dei dipendenti e anche ad altri selezionati ospiti. Inoltre per festeggiare il lancio di Alfa Romeo Giulia e l’imminente inizio della produzione del Suv Cassino si svolgerà anche il concerto di Max Pezzali, al quale dovrebbero partecipare migliaia di persone.

La fabbrica di FCA luogo ideale per lavorare

Del resto questo stabilimento, grazie ai cospicui investimenti di Fiat Chrysler è diventata in breve tempo il vero fiore all’occhiello del gruppo in Italia. La fabbrica come sottolineano gli addetti ai lavori, nel giro di 10 anni è completamente cambiata. Come sottolineano i sindacati a Cassino sono stati fatti enormi passi avanti per garantire che i lavoratori possano svolgere le proprie mansioni nelle migliori condizioni possibile. Questo è molto facile in una fabbrica come Cassino, ultra moderna e con spazi lavorativi adeguati. Questo di conseguenza comporta una maggiore qualità nella produzione dei nuovi veicoli. In questo luogo dove gli operai lavorano in squadre di 7 componenti capeggiate da un responsabile e in cui chi lavora meglio ottiene dei premi, l’obiettivo è quello di alzare ulteriormente l’asticella della qualità.

Leggi anche: Fiat Panda Cross 2017: arriva aggiornamento anche per questo modello

 

 

 

  • Francesco Tarquinio

    la 4c la fanno a Modena nello stabilimento Maserati!!cambia foto..

  • PIERANGELO FAE

    a Landini e gli amici del Fatto verrà un accidente…

  • Des Troyer

    Ottima iniziativa👌

  • remo bianchi

    Forse ci va anche Landini a vendere i pop Corn dato che ha toppa di brutto.Il bello che non è contento per i 4300 operai.Forse A lui piace la mitica trabant.

    • umberto

      il problema è che a lui piace che la gente sia disoccupata…..d’altronde chi lavora seriamente non perde tempo con i sindacati, quindi….

    • Des Troyer

      Landini andrebbe rinchiuso a Guantanamo.