Maserati: si sente l’effetto Levante in Europa, ad agosto crescita record

Maserati
Maserati

Per Maserati le cose sembrano volgere al sereno. Dopo un 2015 che non era stato certamente entusiasmante con numeri di vendita al di sotto delle aspettative, che arrivava dopo un 2014 brillante, adesso invece in questi primi 8 mesi del 2016 il mercato sembra regalare soddisfazioni alla celebre casa automobilistica del Tridente. Al pari di quanto sta avvenendo per gli altri brand di Fiat Chrysler Automobiles, anche l’azienda originaria di Modena sta vivendo un momento molto positivo. Basti pensare che in Europa nello scorso mese di agosto le vendite sono cresciute insieme a Dodge del 154 per cento, rispetto a quanto realizzato nello stesso mese del 2015.

Ad agosto grande crescita per il brand Maserati

Qualcuno inizia ad parlare di effetto Levante riferendosi al nuovo suv del Tridente, primo veicolo di questo genere ad entrare nella gamma Maserati, che in base ai primi dati di vendita sembra essere stato accolto molto bene sul mercato dagli europei. Ricordiamo anche che, sempre in base ai dati provenienti da Acea,  l’Associazione europea dei costruttori, Maserati nei primi 8 mesi del 2016 ha visto crescere le proprie immatricolazioni nel continente europeo in misura pari a +6,8 per cento. Oltre a Levante molto bene anche Ghibli e Quattroporte, che dopo un piccolo appannamento sembrano nuovamente essere tornate nelle grazie dei consumatori europei. Sarà contento l’amministratore delegato Reid Bigland che in questa maniera si consola dei problemi che FCA sta vivendo negli Usa per lo scandalo dei dati di vendita taroccati e in cui il dirigente sarebbe indirettamente coinvolto.

Leggi anche: Fiat Chrysler Automobiles: ad agosto doppia il mercato europeo

Maserati Levante
Maserati Levante

Obiettivo finale superare le 70 mila immatricolazioni annue

Ricordiamo che nei prossimi mesi grazie a Maserati Levante, le aspettative di crescita che i dirigenti di Fiat Chrysler Automobiles nutrono nei confronti della casa italiana sono elevate. Dopo un 2015 in cui sono state immatricolate poco più di 30 mila vetture del Tridente in tutto il mondo, FCA si aspetta di chiudere il 2016 con un numero di unità vendute assai maggiore rispetto a quello dello scorso anno. Questo sempre tenendo d’occhio quello che è l’obiettivo finale e cioè di portare Maserati a superare le 70 mila immatricolazioni annue, progetto che però potrà essere portato a compimento solo nel corso dei prossimi anni, secondo quelli che sono i piani di crescita ipotizzati da Sergio Marchionne e soci. 

Leggi anche: Fiat Chrysler Automobiles incluso nel Dow Jones Sustainability Index