FCA: addio Italia, Elkann conferma trattativa con Samsung per Magneti Marelli

John Elkann Fca
John Elkann Presidente di FCA e Sergio Marchionne Amministratore delegato

Sabato scorso è stata una giornata importante per FCA. Infatti L’assemblea dei soci in quella data ha approvato a larga maggioranza la fusione della holding di Torino in Exor,  società che avrà sede in Olanda. Questa assemblea tra l’altro, ultima a svolgersi nel nostro paese, è stata l’occasione per il Presidente di FCA John Elkann di fare il punto della situazione del suo gruppo ed in particolare della trattativa con Samsung per Magneti Marelli.  Elkann infatti ha parlato a lungo con  Jae Yong Lee, Vice Presidente di Samsung e membro della holding  della famiglia Agnelli. Secondo quanto rivelato dal Presidente di FCA, le trattative che riguardano Magneti Marelli, non sarebbero solo con Samsung ma anche con altre importanti aziende. Tra queste sicuramente una di quelle che ha mostrato il maggiore interesse è proprio il colosso asiatico dell’Hi-tech.

FCA: John Elkann spiega le sue ragioni

John Elkann ha voluto spiegare perchè sia stata scelta proprio l’Olanda come nuova sede della sua holding. Il motivo è che si tratta di un paese che ha delle regole assai favorevoli per le società come quella da lui guidata. Dunque non si tratta di una scelta simbolica ma di una scelta concreta e necessaria. Elkann ha però anche voluto mettere in evidenza che FCA non abbandona l’Italia dove gli stabilimenti di Mirafiori e Grugliasco si sono nuovamente rimessi in moto e dove nel futuro prossimo sono previste novità importanti. Insomma John Elkann ci tiene a evidenziare come le attività delle sue aziende sono molto migliorate in Italia proprio quando le sue società sono domiciliate in Olanda. 

Leggi anche: Jeep Cherokee esplode negli Usa: colpa del Samsung Galaxy Note 7?

fca-elkann-gm-marchionne
John Elkann Presidente di FCA, insieme a Sergio Marchionne

FCA: continuano le trattative con Samsung

Per il resto grande spazio viene dato alla trattativa con Samsung per Magneti Marelli, azienda considerata come uno degli elementi fondamentali all’interno di FCA e dunque il gruppo amministrato da Sergio Marchionne difficilmente si priverà di questa azienda, è più facile ipotizzare una collaborazione che potrebbe nascere con l’acquisto da parte di Samsung di quote nella società. I Sud coreani sono molto interessati ad entrare nel settore e Magneti Marelli rappresenta il miglior modo possibile di inserirsi in questo ambito.

Leggi anche: Magneti Marelli: John Elkann conferma colloqui di Fiat con Samsung

 

 

  • lo smantellamento ha inizio. Mi chiedo quando arriverà il momento della @Ferrari e @ScuderiaFerrari

    • ILKönz

      Tutta la Ferrari spero di no, ma la Scuderia ne gioverebbe non poco ad essere spostata in Inghilterra, come del resto hanno fatto Mercedes e Red Bull. Gli ingegneri più richiesti non verrebbero a Maranello nemmeno sotto tortura.
      Già scappano quelli italiani, figuriamoci gli altri…
      Ciò detto, vendere un’azienda perfettamente in salute come Magneti Marelli ai coreani è l’ennesimo atto da dementi del maglionne. Perchè sappiamo tutti che succederà proprio questo, inutile che lui cerchi di nascondersi dietro le sue solite menzogne da speculatore. Eeeh sarà soltanto una collaborazione… le quote…blah blah blah…soltanto altri dementi come lui ancora gli crederebbero.

  • gaetano il mio cognome

    da quando fca è fuori dall’ìitalia tutto va x il meglio, senza questo probabilmente giulia non nasceva e neanche maserati levante oppure fiat 124

  • umberto

    Le scelte imprenditoriali sono dettate dalla convenienza e se, purtroppo, un’azienda trasferisce la sede all’estero bisognerebbe porsi la domanda del perché in Italia non si sia capaci a fare delle Leggi che aiutino o attirino le aziende a stare sul nostro territorio!
    Comunque si tratta sempre di sede legale, la produzione in Italia non cambia, quindi ad oggi è irrilevante a livello produttivo.

  • lionking

    Ma perché si legge “addio italia”??? Le scelte di mettere la sede di una holding a l’estero non cambia micca il mercato. E tutti i dipendenti Italiani micca perdono il lavoro.

  • Lancia Delta HF

    marchionne pensa solo al 2018 è sta facendo di tutto perché il suo “bottino” (azioni FCA e liquidazione) sia il più cospicuo possibile. Per questo motivo sta vendendo tutto il vendibile dei gioielli ex-Fiat ed arrivare così al pareggio di bilancio entro il 2018.

    Si vergognino lui e tutti gli eredi Agnelli!

    Anzi, ci diano indietro tutti i soldi pubblici che gli abbiamo dato negli anni passati per tenere aperte le fabbriche in Italia.

    • umberto

      Vedi una delle cose che mi piace di voi economisti e la quantità enorme di stupidate che riuscite a scrivere in poche righe! Se marchionne avesse le intenzioni che dici tu non avrebbe rilanciato l’Alfa, non avrebbe investito soldi nelle fabbriche in Italia, non avrebbe acquistato la crysler, per ottenere un incremento del valore delle azioni sarebbe bastato vendere ai tedeschi l’Alfa, cedere a qualcuno la Ferrari, l’iveco e la stessa Fiat, mantenere le quote di Fiat group, che spero tu sappia cosa era, dopodiché godersi la vecchia!
      Comunque grazie per essere apparso anche tu, ci stavamo stufando del konz e ci voleva una degno erede!….. L’unico particolare e che questo è un sito di appassionati dell’Alfa, delle stupidate ideologiche non ce ne frega minimamente nulla, mentre personalmente mi interessa di più che marchionne mi abbia ridato un Alfa all’altezza del marchio e se a te lui e gli agnelli non ti piacciono non mi cambia la mia valutazione sul l’operato in ordine ad Alfa Romeo.