Jeep continua ad alimentare l’espansione globale di Fiat Chrysler

I risultati del primo semestre hanno rivelato che Fiat Chrysler Automobiles sta diventando sempre più dipendente dal mercato auto degli Stati Uniti e soprattutto dal brand  Jeep.  I ricavi, profitti e le spedizioni del gruppo hanno registrato  risultati  buoni in Europa  che hanno compensato il calo in Brasile, mentre nel Nord America, il gruppo diretto dall’amministratore delegato Sergio Marchionne, si dirige verso una stabilizzazione. Ciò che è chiaro è che quest’anno Fiat Chrysler non crescerà in termini di unità vendute e Jeep continuerà ad essere un brand chiave nel suo futuro.

Jeep ha venduto circa 720.000 unità nel 1 ° semestre 2016,  un numero che è di circa 100.000 unità in più rispetto allo stesso periodo del 2015. Il buon risultato è stato possibile grazie al Nord America, Cina ed Europa, dove Jeep continua a crescere a forti tassi a causa di diverse ragioni. Le vendite in Nord America hanno registrato un aumento del 15% a 523.000 unità potenziato dal continuo spostamento dei consumatori verso il SUV e grossi camion. In effetti il mercato statunitense e quello canadese continuano a crescere grazie a questi due segmenti. Jeep è uno dei marchi  che sta riuscendo a ottenere la quota di mercato più alta finora questo anno, grazie anche all’arrivo della  vettura italiana Jeep Renegade, che sta avendo grande successo.

In Cina il boom  di Jeep viene generato dall’arrivo della produzione localizzata di Cherokee e più di recente di Renegade. FCA ha deciso che il modo migliore per guadagnare qualche quota di mercato nel più grande mercato del mondo era quello di iniziare con la vendita di SUV. Le Jeep importate erano non solo sono più costosi, ma hanno cominciato a  subire la concorrenza più dura (da marchi cinesi e stranieri) e il rallentamento della crescita. Fino al 30 giugno, Jeep aveva già venduto 51.700 unità del suo Cherokee, mentre per il Renegade  è previsto un aumento di volume già a partire da luglio.

Jeep Renegade

L’Europa è un altro esempio di quanto velocemente la crescita Jeep sta avvenendo. Il marchio ha venduto quasi 46.000 unità nei primi sei mesi di quest’anno, in crescita del 28% rispetto al primo semestre del 2015. La sua quota di mercato è passata da 0,61% al 0,68%. La ragione di questo è ancora localizzata nella produzione di  Renegade fatta a Melfi,  in Italia, che ha fortemente potenziato  FCA Europa. In realtà il piccolo SUV conta per circa l’80% delle vendite del marchio in questa regione. La quota di mercato di Jeep in Italia è stata pari al 2,13%, superando altri importanti mercati come il Messico e Australia.

Ma la crescita non si ferma qui. Mentre il Brasile sprofonda nella sua peggiore crisi economica e politica di questi  anni, dove il mercato auto vive tempi molto difficili, Jeep ha fatto il suo debutto con il suo primo prodotto di produzione locale a maggio 2015. I risultati sono sbalorditivi, con oltre 26.000 unità vendute nel primo periodo, diventando uno dei primi 15 modelli più venduti in Brasile. In effetti, la Renegade non solo ha battuto altri piccoli SUV popolari come la Ford Ecosport o Renault Duster, ma ha contribuito ad aiutare FCA a compensare il calo delle vendite di Fiat. Il problema qui è che FCA ha costruito un  impianto di Pernambuco (dove viene prodotto il Renegade) pensando a un mercato di 3-4 milioni di unità, e quest’anno il mercato non supererà i 2 milioni di unità.

jeep renegade

Se FCA vuole crescere di più e attirare gli investitori, deve continuare incrementare le sue operazioni in tutto il mondo grazie a  Jeep. La Renegade ha fatto un ottimo lavoro, ma non sarà sufficiente. Jeep deve lanciare il nuovo C-SUV, un nuovo Grande Cherokee e aggiungere il Grand Wagoneer alla sua gamma.

  • Alfonso

    Jeep continua a crescere? Bene ..allora progettate un altro Suv a marchio Jeep da assemblare in Italia (Mirafiori) e il gioco è fatto……