Alfa Romeo Giulia e Stelvio: secondo semestre record per Cassino

Alfa Romeo cassino

Lo stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Cassino, sito a Piedimonte San Germano vive un momento molto importante della sua storia. Infatti grazie all’inizio della produzione della berlina di classe ‘D’ Alfa Romeo Giulia, partita negli scorsi mesi, la produttività di questo stabilimento è salita vertiginosamente nel corso dei mesi, anche grazie alle numerose richieste che stanno pervenendo dal mercato per quanto concerne la nuova berlina del Biscione, pronta a dare serio filo da torcere alle rivali tedesche di Audi, Bmw e Mercedes, come ampiamente dimostrato dal primo mese di vendite, che è stato a dir poco positivo per questo nuovo modello. Sono state infatti già 800 le unità vendute in Italia e quasi 1400 in tutta Europa, numeri importanti destinati a crescere ulteriormente quando i primi di agosto usciranno i dati ufficiali delle vendite di luglio. 

A Cassino si aspetta un semestre record grazie ad Alfa Romeo Giulia e Stelvio

Tra pochi giorni avranno inizio le ferie per gli operai impegnati nella produzione di Alfa Romeo Giulia e Giulietta nello stabilimento Fiat Chrysler di Cassino. A settembre però si tornerà a lavorare a tamburo battente, in quanto i livelli di produzione di Giulia cresceranno ulteriormente grazie allo sbarco in altri importanti mercati come quello americano e all’arrivo di numerosi altri modelli che completeranno la gamma e che dunque dovrebbero far aumentare di molto le esigenze di produrre un gran numero di veicoli. Le cose andranno ulteriormente a migliorare quando avrà inizio la produzione del Suv Alfa Romeo Stelvio, questo dovrebbe avvenire, cosi come riportano sul web i soliti bene informati, agli inizi del  prossimo mese di dicembre.

Alfa Romeo Giulia a Cassino
Alfa Romeo Giulia: a Cassino si prevede un semestre record grazie alla produzione di Alfa Romeo Giulia e Stelvio.

Nel 2017 nuove assunzioni da Fiat Chrysler?

A quel punto lo stabilimento Fiat Chrysler di Cassino lavorerà a pieno regime e non è cosi difficile ipotizzare, cosi come suggerito del resto dallo stesso numero uno del gruppo italo americano, l’amministratore delegato Sergio Marchionne, che ulteriori assunzioni potrebbero arrivare per questo stabilimento già a partire dal prossimo anno. Anno fondamentale in quanto finalmente Alfa Romeo Stelvio arriverà sul mercato e inoltre entro la fine dell’anno dovrebbe partire sempre a Cassino la produzione del terzo modello del nuovo corso del brand del Biscione. Questo, sempre secondo indiscrezioni potrebbe essere la versione coupè di Giulia berlina, ma al momento si attendono conferme. Insomma un secondo semestre record, gli analisti prevedono per lo stabilimento Fiat Chrysler Automobiles di Cassino in questo 2016, che sta rendendo sempre più centrale il ruolo di questa fabbrica nel rilancio del brand automobilistico milanese.

 

  • Des Troyer

    Fossi in Marchionne, ma purtroppo non lo sono, farei di Cassino lo stabilimento Alfa per eccellenza, senza andare a sminuzzare la produzione in altri stabilimenti Italiani (leggi Pomigliano). Barra dritta & forza Alfa sempre 👍

    • ILKönz

      Fossi in te, invece, mi sarei già sputato davanti ad uno specchio per vergognarmi della mia ignoranza.
      Se non fosse per le Alfasud assemblate a Pomigliano, l’Alfa sarebbe già fallita negli anni ’70, senza contare che le origini del marchio sono proprio napoletane e milanesi. E da lì è venuto fuori pure il più grande successo Alfa degli ultimi 20 anni, ovvero la 156.
      Ma a parte questo, non capisco di cosa tu abbia paura, visto che attualmente a Pomigliano assemblano soltanto la Panda…

      • Des Troyer

        Oh, finalmente il somaro ha ragliato! Amico della Volkswater, prima di sparare le tue solite e noiose sciocchezze ormai divenute famose qui su Casa Alfa, ti consiglio di aggiustare la mira del tuo krauto scaduto e rileggere cosa ho scritto… Semprechè tu riesca a connettere le tue malandate sinapsi.

      • umberto

        Povero ignorante, l’Alfa è saltata proprio per lo stabilimento di pomigliano, se non avessero creato quell’inutile fabbrica clientelare l’Alfa sarebbe ancora oggi un’entità a parte! Ma cosa ne vuoi sapere tu che fai tanto il saccente e poi scrivi la più grossa cretinata solo perché la 156 l’ha disegnata, peraltro male, quello che poi è scappato a gambe levate dai tuoi padroni….. Fortunatamente, per loro, dopo aver disegnato dei cessi un po’ più belli!

        • ILKönz

          L’Alfa non sarebbe mai sopravvissuta rimanendo soltanto ad Arese. La produzione doveva essere suddivisa con criterio, era una strada obbligatoria da fare. Soltanto che è stata percorsa male a causa della solita politica ingorda.
          Lo so che ti brucia essere proprietario di una mezza opel e mezza fiat che di Alfa ha soltanto il biscione sulla calandra, quindi nemmeno mi offendo per queste tue continue esplosioni da povero frustrato.
          Coraggio che ora ti potrai permettere una vera Alfa, se te la potrai permettere, che stai sempre qua a rompermi le scatole come se fosse una questione di vita o di morte…non oso immaginare che brutta vita tu faccia…
          Ah no aspetta… ho detto vera Alfa? Gli americani hanno scoperto altro, a quanto sembra:

          Some time ago, Sergio Marchionne, head of Fiat Chrysler, said that the only way to reboot Alfa Romeo would be by amortizin engineering costs with Dodge.
          That’s gone down the memory hole, now. It had to. The Alfisti will
          have fitsies if they overtly share with Chrysler. The D-RWD platform is now Giorgio, an Italian name for something developed largely in Auburn Hills. All publicity is going to the Italian “skunkworks” development efforts. It’s as though the Dodge link never existed.

          AHAHAHAHA, vero orgoglio italiano, come no! 😀

          • Des Troyer

            Caro CrucKonz, posso capire la tua insaziabile fame di buone novelle quando queste riguardano il tuo incubo peggiore col maglioncino, ma nella foga di beccare, devi imparare a guardare la data di scadenza del miglio che ti viene dato. Quello è un articolo del 2014 ed ora siamo a metà del 2016, forse qualcosa sarà cambiato nel frattempo, tu che dici? Oltretutto gli Americani non sono mai stati teneri con Marchionne, lo sanno pure i sassi, quindi posso andare a prendere come oro colato quello che scrivono? Io no ma tu si, ed proprio qui che becchi indiscriminatamente. Sembra che tutto quello che gli Yanks scrivano per te sia Vangelo… A patto che sia contro FCA, ovviamente. Ikmenzionato nell’articolo

            • ILKönz

              Non è cambiato proprio un bel cavolo di nulla. Due anni fa come adesso, nessuno sa dove fossero quei famosi capannoni dove avrebbero sviluppato la mirabolante piattaforma Giorgio.
              Keep on dreaming dumbass 😉

              • Des Troyer

                Certo smartass, bloccare è più semplice che rispondere quando non si hanno argomenti validi da controbattere. Vuoi un indizio su dove trovare quei mirabolanti capannoni? Vicino alle armi di distruzione di massa di Saddam Hussein. Chiedi agli Yanks 😉

              • umberto

                Bravo, blocca poverino….. Che poi se la mamma non ti difende piangi troppo!!!! Su bimbo a nanna….

          • umberto

            Dimostri di nuovo di non conoscere la storia dell’Alfa, ma d’altronde cosa si può pretendere da uno come te!!!! Nulla!!!!
            Si la mia era un’esistenza triste…… Ma poi è apparso un coglione inutile che denigrava in continuo l’Alfa Romeo e difendeva i suoi porci padroni truccatori di centraline e la mia esistenza si è rivitalizzata….. Perché cosa c’è di più bello che leggere e ribattere ad un cretino, ignorante, difensore di porci inquinatori? …. Nulla di più, ti dà uno scopo nella vita….. Quello di interloquire con un coglione ignorante per scoprire nei meandri più reconditi dell’ignoranza cronica quanto si possa arrivare a falsificare la verità, praticamente un corso di approfondimento psicologico sui disturbi della personalità che portano alla negazione della verità….. E sai per un poveraccio come me può essere un ottimo motivo per sopportare le carenze derivanti da un’esistenza di stenti, perché vedere un riccone come te che non capisce un bel nulla ti fa comprendere che è meglio essere poveri…. Se la ricchezza fa rincoglionire a quel punto è inutile avere tanti soldi!!!!! Certo ti serviranno prima o poi per avere un’ assistenza psicologica adeguata, direi più prima che poi!!!