Alfa Romeo e Fiat: le news del 21 luglio

Alfa Romeo Giulia
Alfa Romeo Giulia

Finale in grande stile per la Pechino Parigi 2016 nella celebre Place Vendôme, per la quinta rievocazione storica  di questa celebre manifestazione che ha visto la casa automobilistica del Biscione essere una delle principali protagoniste grazie alla presenza di due Alfa Romeo storiche della Scuderia del Portello: una Giulia 1.300 Ti del 1969 e una Giulia Super 1.3 del 1973. Le due storiche vetture sono state autentiche protagoniste di una cerimonia di gala  che si è svolta all’interno del Motor Village di Parigi, che si trova sugli Champs Elysées, dove ad aspettarle c’era la nuova berlina di segmento ‘D’ Alfa Romeo Giulia, antipasto della rivoluzione che nei prossimi anni aspetta il Biscione che punta a dire la sua nel segmento premium del mercato auto dopo molti anni di crisi. L’obiettivo da raggiungere sono le 400 mila immatricolazioni annue. Questo verrà fatto attraverso i nuovi veicoli di cui la Giulia appunto rappresenta solo l’antipasto.

Alfa Romeo e Fiat protagoniste al Summer Tour

Oggi 21 Luglio 2016, segnaliamo anche che Alfa Romeo e Fiat saranno protagoniste anche nel cosiddetto ‘Summer Tour’. Si tratta di una manifestazione molto importante e attesa dai numerosi fan delle due principali case automobilistiche italiane, che dunque saranno coinvolte in una festa avvincente che sarà occasione per mostrare le ultime novità proposte sul mercato. Per Fiat ad esempio vedremo le nuove Fiat Tipo e 124 Spider, per Alfa Romeo la Giulia e le nuove versioni di MiTo e Giulietta. Fiat ed Alfa Romeo si alterneranno nelle diverse località selezionate.Si parte da Amalfi per poi giungere anche in altre zone turistiche assai importanti quali: Alghero, Golfo Aranci, Otranto, Punta Ala e Santa Margherita Ligure. Vedremo dunque quello che succederà nel corso di questo evento che certamente tra serate glamour, relax e Dj Set non può essere considerato come un semplice evento promozionale. Questo si svolgerà sino al prossimo 15 settembre. 

Alfa Romeo Giulia
Alfa Romeo Giulia

I guai di Fiat Chrysler in Serbia

Per quanto riguarda Fiat, dalla principale casa automobilistica italiana quest’oggi arrivano notizie per quanto concerne la riduzione di personale che sta colpendo la fabbrica Fiat Chrysler in Serbia a causa del calo nelle vendite di Fiat 500L. Dopo ben 12 giorni della registrazione dei dipendenti dell’azienda Fiat Chrysler Serbia nel programma sociale riguardante gli esuberi in fabbrica, non è ancora stato comunicato con certezza il numero di coloro i quali hanno deciso di lasciare lo stabilimento serbo di Fca, ricevendo le indennità di lavoro previste, che come detto in precedenza variano da un minimo di 4.800 ad un massimo 12.000 euro, a seconda del tempo di lavoro stimato.

Dunque la questione è ancora aperta come hanno dichiarato i rappresentanti dei sindacati coinvolti che stanno cercando di chiamare in causa il governo serbo per risolvere la questione insieme ai dirigenti di Fca. Vedremo dunque quali aggiornamenti arriveranno da tale questione e quale sarà stato alla fine il numero degli esuberi realmente portato avanti in Serbia dal gruppo italo americano diretto dal numero uno, l’amministratore delegato Sergio Marchionne. Quest’ultimo ha spiegato chiaramente che la crisi della Fiat 500L dipende dall’avanzata sul mercato dei Suv che hanno ‘cannibalizzato’ le monovolume.

 
  • Maurizio

    Ma l’articolo parla di “guai in Serbia”? Ma è semplicemente l’evoluzione del mercato. I giornalisti vogliono sempre fare colpo con titoli troppo forti.