Alfa Romeo Stelvio: debutterà in versione Quadrifoglio?

Alfa Romeo Stelvio
Alfa Romeo Stelvio: debutterà in versione Quadrifoglio?

Dopo Alfa Romeo Giulia le attenzioni degli appassionati del Biscione si spostano su Alfa Romeo Stelvio. Dovrebbe chiamarsi così il primo Suv nella storia della gloriosa casa automobilistica di Arese, secondo quanto trapelato da alcune indiscrezioni provenienti da Cassino. Questo veicolo nelle scorse settimane è stato mostrato numerose volte attraverso foto spia, che hanno ripreso nelle strade il prototipo camuffato del veicolo, che sotto celava la carrozzeria definitiva, segno che ormai siamo vicini al debutto. Questo infatti dovrebbe avvenire, secondo le ultime indiscrezioni, al Salone dell’automobile di Los Angeles in novembre, al pari di quanto avvenuto lo scorso anno con Fiat 124 Spider. La sua produzione comincerà a Cassino entro fine anno. Questa si affiancherà alla produzione della berlina Giulia.

Alfa Romeo Stelvio: debutto in autunno

La sua commercializzazione dovrebbe avere inizio nel primo trimestre del 2017, con un leggero ritardo rispetto a quanto previsto inizialmente dai piani industriali di Fca, che prevedevano l’arrivo di questo veicolo già nel 2016. Nelle ultime ore sul web si vocifera che Alfa Romeo Stelvio, al pari di quanto successo alla Giulia, potrebbe fare il suo debutto in anteprima nella versione più sportiva Quadrifoglio. Si tratterebbe insomma di replicare quanto accaduto già con la berlina di segmento ‘D’ Alfa Romeo Giulia, che lo scorso 24 giugno fu mostrata proprio in questa versione presso il museo del Biscione, ‘La Macchina del tempo’ di Arese. 

Alfa Romeo Stelvio
Alfa Romeo Stelvio il render di Lp Design mostra come potrebbe essere il veicolo che sarà presentato il prossimo autunno.

Sul web pubblicate le matematiche del nuovo Suv

Nelle scorse ore aveva fatto molto rumore la pubblicazione su alcuni siti web delle presunte matematiche del nuovo Suv Alfa Romeo Stelvio per quanto riguarda fiancata e portellone. Queste altre non sono che i disegni tecnici su cui si sono basati i render ultimamente apparsi sul web che hanno provato ad ipotizzare l’aspetto definitivo di questo veicolo. Queste matematiche però successivamente sono state rimosse, in quanto non ancora pubblicabili online. Queste comunque mostrerebbero una certa somiglianza di Alfa Romeo Stelvio alla berlina Alfa Romeo Giulia, almeno per quello che concerne il design esterno.

In particolare ciò che ha colpito tutti per quanto concerne questi disegni tecnici è il fatto che l’alloggiamento dei fari posteriori presenta una forma praticamente identica a quella di Alfa Romeo Giulia. Con questa berlina, Alfa Romeo Stelvio dovrebbe condividere anche la stessa piattaforma e gran parte delle motorizzazioni. Questo veicolo ricordiamo infine che è fondamentale per permettere al Biscione di conquistare importanti spazi nel segmento premium del mercato auto, categoria al momento dominata dalle case automobilistiche tedesche tra cui primeggiano Audi, Bmw e Mercedes. Vedremo dunque se in futuro questo importante obiettivo sarà centrato, così come desiderano ardentemente i vertici della gloriosa casa automobilistica di Arese con in testa il nuovo amministratore delegato Reid Bigland. 

 

 

  • ILKönz

    Possono farci tutte le versioni che vogliono, anzi, DEVONO. Perchè sarà questo il modello che ha più probabilità di rivitalizzare le vendite di Alfa, almeno nel breve-medio termine. Dopo la ridicola campagna marketing (se si può definire tale) di cui è stata oggetto la Giulia finora, questo SUV rappresenta la classica ultima spiaggia.

    • umberto

      i tuoi commenti sono all’ultima spiaggia….. continui a scrivere stupidate una dietro l’altra, non hai ancora capito che tutte le tue frottole le devi scrivere sul sito dei tuoi compari, li tutti insieme potete ancora raccontarvi che avete le migliori cariole in circolazione…, però sempre cariole, perché le auto vere non sapete neanche cosa sono!

      • Alfonso

        Umberto ricorda cosa scriveva Dante nella Divina Commedia “non ti curar di loro ma guarda e passa”..non rispondere più a commenti denigratori di alcuni utenti così vedrai che spariranno da questa pagina..sicuro che osserverai il mio modesto pensiero ti ringrazio

        • umberto

          ti ringrazio del pensiero e vedrò di farne tesoro…. certo Dante questa frase la riservava agli ignavi, mentre il soggetto rientra pienamente nel XXX canto.

      • Paolo Guidi

        Ha ragione Alfonso , non diamogli più le nostre attenzioni prima perché non le merita , secondo gli togliamo visibilità , prima o poi si stanchera no ?

        • umberto

          Effettivamente è cosi, purtroppo a volte prevale l’animo Alfista, la ragione direbbe di lasciar perdere, l’animo Alfista impone di mandarlo nei suoi lidi! Comunque accetto il consiglio, è sicuramente un consiglio saggio!

          • Paolo Guidi

            Saggio

  • Doriano Battagin

    è un peccato che molte case automobilistiche dovranno accontentarsi di vedere solo il posteriore delle ALFA
    poveri crucchi credo sia ora di ridimensionare i vostri commenti