Alfa Romeo: la regione stanzia 3,5 milioni di euro per Cassino

Alfa Romeo
Alfa Romeo, dalla Regione Lazio 3,5 mln euro per Cassino

Arrivano buone notizie per Alfa Romeo. Nelle scorse ore la Giunta regionale del Lazio ha stanziato 3,5 milioni di euro per lo stabilimento di Piedimonte San Germano. Questi soldi serviranno al rilancio dell’indotto di Fiat Chrysler Automobiles e per le infrastrutture a supporto dell’impianto di Piedimonte San Germano,  la celebre fabbrica di Cassino, dove viene prodotta Alfa Romeo Giulia e dove entro fine anno inizierà anche la produzione del primo SUV del Biscione Alfa Romeo Stelvio.  Il piano in questione prevede una serie di lavori di tipo infrastrutturale e questo finanziamento si va ad aggiungere ad altri 1,26 milioni di euro già stanziati a favore della Provincia di Frosinone a luglio 2015, questi furono concessi per opere stradali in corso di realizzazione.

Alfa Romeo: entro il 2018 a Cassino 3 mila posti di lavoro in più

Ricordiamo anche che nel corso della conferenza stampa tenutasi a Balocco, il numero uno di Fiat Chrysler Automobiles, l’amministratore delegato Sergio Marchionne ha dichiarato che nei prossimi anni lo stabilimento di  Cassino sarà interessato da un incremento dei posti di lavoro che entro il 2018 aumenteranno di circa 3 mila unità. Il motivo di questo elevato incremento è da attribuire alla produzione della berlina Alfa Romeo Giulia e anche di Alfa Romeo Stelvio. Inoltre sempre il numero uno di Fiat Chrysler, ha pure chiarito che sempre a Cassino verrà prodotto anche un terzo modello, entro la fine del 2017. Su questo c’è chi dice si possa trattare della nuova generazione di Giulietta e chi invece pensa che si tratti della nuova ammiraglia. In realtà quest’ultima sarebbe da escludere in quanto lo stesso Marchionne ha precisato che la nuova ‘Alfetta’ sarà prodotta altrove, forse presso lo stabilimento Fca di Mirafiori. 

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio
Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio

Successo di vendite di Alfa Romeo Giulia prioritario per il rilancio del Biscione

Il rilancio della gloriosa casa automobilistica del Biscione è considerato elemento fondamentale nella crescita del gruppo Fiat Chrysler. Questo ricordiamo che di recente ha concluso l’accordo considerato fondamentale con Google per l’auto che si guida da sola. Inoltre continua la ricerca di alleanze con grossi gruppi, che però per il momento sembra essere un’ipotesi molto lontana. Tornando al Biscione ricordiamo che dopo il terzo modello che come detto sarà l’ammiraglia o la nuova Giulietta, nel 2018 arriveranno 2 nuovi Suv, mentre nel 2020 dovrebbe essere il momento della cosiddetta Alfa Romeo 6C. Per il momento comunque tutti gli occhi sono puntati su Alfa Romeo Giulia, dalle cui vendite dipende molto del futuro della casa di Arese, ritorno in Formula Uno compreso.

  • Giuseppe Basile

  • quindi adesso le alfa ce le devono regalare

  • Alfonso

    Lo Stato e le imprese hanno sempre investito nel basso Lazio e continuano a farlo. Bene continuate così