Questa che si avvia alla conclusione è stata, senza alcun dubbio, la settimana dell’Alfa Romeo Giulia che, finalmente, ha fatto il suo debutto ufficiale sul mercato italiano dando il via definitivo al piano di rilancio di Alfa Romeo su scala internazionale. La Giulia è un progetto fondamentale per il futuro del marchio e, di conseguenza, anche per l’economia italiana ed i posti di lavoro di tantissimi dipendenti del gruppo FCA che, per troppi anni, hanno vissuto da vicino la cassa integrazione.

Alfa Romeo, in queste ore, ha rilasciato una nota stampa in cui sottolinea l’importanza dell’avvio della produzione dell’Alfa Romeo Giulia per gli stabilimenti italiani del gruppo FCA, annunciando nuove assunzioni e una riduzione della cassa integrazione. Ecco quanto si legge dal comunicato: “Il piano produttivo sta avendo riscontri anche sotto il profilo occupazionale: relativamente allo sviluppo e alla produzione delle nuove Alfa Romeo sono state effettuate oltre 700 nuove assunzioni e si verificherà un’importante riduzione della cassa integrazione nei vari poli produttivi coinvolti”

Alfa Romeo Giulia 1

Come noto, la Giulia viene prodotta nello stabilimento di Cassino che, proprio grazie all’avvio della produzione della berlina di segmento, torna in piena attività in attesa dell’arrivo sulle linee di assemblaggio del nuovo D-SUV Alfa Romeo Stelvio. La Giulia però ha portato un netto incremento della produzione anche negli stabilimenti di Termoli e Pratola Serra dove vengono prodotti i motori che saranno poi montati sotto al cofano della berlina. Di fondamentale importanza è anche l’indotto generato dalla produzione della Giulia che darà lavoro, indirettamente, a tantissime aziende italiane. In futuro, inoltre, questo aspetto sarà ancora più importante. Con l’avvio delle esportazioni all’estero (in particolare via mare in Nord America già nel secondo semestre del 2016) l’indotto generato dalla Giulia sarà notevolissimo.

Continuate a seguirci anche nel corso dei prossimi giorni per tutte le novità legate alla nuova Alfa Romeo Giulia ed ai futuri modelli che andranno ad arricchire la gamma di casa Alfa Romeo nel corso dei mesi futuri. Oramai il piano di rilancio del marchio è iniziato e le novità in programma sono tantissime. Il piano industriale attualmente in corso prevede, infatti, il lancio di altri sette modelli completamente inediti partendo dal D-SUV in arrivo a fine anno. L’ultima novità di casa Alfa Romeo prevista da questo piano industriale è programmata per la seconda metà del 2020.