Con il lancio sul mercato europeo dell’Alfa Romeo Giulia oramai imminente (la data ufficiale dovrebbe essere quella del 10 maggio), l’amministratore delegato di FCA Sergio Marchionne ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito ai futuri obiettivi del marchio Alfa Romeo che, dopo aver presentato la Giulia in Europa, porterà la sua berlina in Nord America ed in Cina, mercati chiave per il raggiungimento del target delle 400 mila unità vendute all’anno fissato dall’attuale piano industriale di FCA.

Al momento le tempistiche di presentazione in Cina della Giulia sono ancora ignote mentre negli USA ed in Canada le vendite della berlina di segmento D dovrebbero prendere il via nel corso della seconda parte dell’anno in corso con una gamma che, oltre alla versione Quadrifoglio, comprenderà unicamente il motore 2.0 Turbo benzina nella variante da 280 CV (in Europa per ora è disponibile la versione da 200 CV) abbinabile alla trazione posteriore o integrale.

Marchionne si è detto molto fiducioso in merito alle potenzialità di successo del marchio Alfa Romeo negli USA ed in Cina. In questi mercati, Alfa Romeo non limiterà la sua presenza alla sola Giulia. Già a fine anno sarà presentato (forse proprio negli USA al Salone di Los Angeles di novembre) il nuovo Alfa Romeo Stelvio, il D-SUV basato sulla stessa piattaforma della Giulia, ed a partire dal 2017 i modelli in arrivo saranno diversi con un’ammiraglia ed un SUV di segmento E che rappresenteranno il cuore dell’offerta premium del futuro di Alfa Romeo in particolare in mercati come il Nord America e la stessa Cina. A conti fatti, la sola nuova generazione dell’Alfa Romeo Giulietta ed il crossover di segmento C da essa derivato potrebbero restare un’esclusiva per il mercato europeo anche se una commercializzazione internazionale non è da escludere in alcun modo.

Confermati gli obiettivi di vendita di Alfa Romeo

Per il momento, nonostante il ritardo nell’arrivo di alcuni modelli (la gamma sarà completa a metà 2020 e non a fine 2018 come inizialmente preventivato), Marchionne ha ribadito che gli obiettivi di vendita di Alfa Romeo restano intatti. Il brand ha tutte le possibilità di raggiungere i target fissati da FCA ed il lancio dell’Alfa Romeo Giulia sarà vitale. Iniziare con il piede giusto questo programma di crescita su scala internazionale è, infatti, fondamentale per garantire il successo dei modelli che arriveranno successivamente sul mercato delle quattro ruote.

Per avere un’idea più chiara sui primi risultati di vendita della Giulia sarà, in ogni caso, necessario attendere almeno l’ultimo trimestre dell’anno in corso con il completamento della gamma europea della berlina (entro fine anno dovrebbero debuttare il nuovo 2.2 turbodiesel da 210 CV e la trazione integrale) e la piena commercializzazione della versione americana. Per il momento, quindi, non ci resta che attendere ulteriori aggiornamenti in merito all’effettivo via delle vendite dell’Alfa Romeo Giulia che, in queste ore, ha già fatto il suo debutto ufficioso in alcuni concessionari del marchio Alfa Romeo. Continuate a seguirci per saperne di più.