Alfa Romeo, il ritardo dei nuovi modelli preoccupa i sindacati

di -
Alfa Romeo Giulia

I ritardi nell’arrivo dei nuovi modelli di Alfa Romeo, a partire dall’Alfa Romeo Giulia la cui produzione, secondo i piani iniziali sarebbe già dovuta essere attiva, stanno creando non poche preoccupazioni. Non sono solo gli appassionati del mondo delle quattro ruote ed, in particolari, gli Alfisti che da tempo attendono l’avvio del programma di rilancio di Alfa Romeo ad aspettare con ansia l’arrivo della Giulia.

Il mancato avvio della produzione dei modelli Alfa Romeo, ma possiamo aggiungerci anche il ritardo del SUV Maserati Levante che entrerà in produzione, in ritardo, tra qualche settimana a Mirafiori, desta molte preoccupazioni anche per i sindacati che vedono nel rilancio del marchio Alfa Romeo e nella definitiva crescita di Maserati l’unica speranza per riportare in alto i livelli occupazionali nel settore automotive, con tante aziende dell’indotto che beneficeranno dell’incremento di produzione in stabilimenti come Cassino e Mirafiori.

Le preoccupazioni dei sindacati per il futuro di Alfa Romeo e Maserati

Gianluca Ficco della Uilm ha dichiarato che “Quel che è importante è che Marchionne confermi l’impegno ad abolire la cassa integrazione negli stabilimenti italiani entro il 2018″ Si tratta di un punto chiave per il futuro di FCA ed, ancora di più, per il futuro di migliaia di lavoratori italiani. La crescita di Alfa Romeo e Maserati, i cui modelli saranno prodotti solo in Italia, dovrebbe permettere, accanto agli eccellenti risultati ottenuti a Melfi con la 500X e la Jeep Renegade, di ridurre progressivamente il ricorso alla cassa integrazione sino al raggiungimento dei target di vendita del 2018. Secondo , Claudio Chiarle della FIM di TorinoFino a poco tempo fa il calendario delle uscite era abbastanza chiaro: contemporaneamente al Levante sarebbe partita la produzione della Giulia a Cassino e a fine 2016 si sarebbe dovuta avviare quella del secondo modello dell’Alfa Romeo a Torino. Fino ad oggi noi siamo fermi a quel calendario. E’ chiaro che la partenza del secondo modello dell’Alfa a Mirafiori è legata ai tempi del lancio della Giulia. Ed è altrettanto chiaro che la successione dell’uscita dei modelli è legata al succeso di quelli precedenti. Se la Giulia verrà accolta bene si può immaginare l’avvio entro pochi mesi della produzione del suv Alfa a Mirafiori”.Alfa-Romeo-SUV

La produzione di un nuovo modello di Alfa Romeo a Mirafiori (potrebbe essere il D-SUV) è fondamentale per far rientrare tutti i lavoratori dello stabilimento dalla cassa integrazione. Secondo Federico Bellono della FiomÈ chiaro che il Levante da solo riuscirà difficilmente a fa rientrare tutti i cassintegrati delle Carrozzerie. Per questo abbiamo sembre chiesto l’arrivo di un secondo modello” A Mirafiori è in programma anche il restyling dell’Alfa Romeo MiTo che sarà presentato al Salone dell’auto di Ginevra del prossimo mese di marzo. La MiTo, in ogni caso, può contare su di un volume di produzione estremamente ridotto ed il facelift che andrà a rinnovare la vettura, allungando probabilmente di circa un anno una carriera prossima comunque alla fine, difficilmente garantire un incremento sostanziale della produzione che resterà piuttosto limitata dopo un 2015 estremamente difficile che ha registrato la drastica riduzione della gamma della segmento B della casa italiana.

Il futuro della produzione di auto in Italia è, quindi, legato a doppio filo ai marchi Alfa Romeo e Maserati. Il successo dei nuovi modelli, che saranno commercializzati su scala internazionale, è fondamentale per la progressiva riduzione della cassa integrazione in Italia nei prossimi anni e per il ritorno in piena attività di tutti i lavoratori degli stabilimenti di FCA. Maggiori dettagli sulle tempistiche di arrivo dei nuovi modelli dovrebbero emergere a fine mese, in occasione del prossimo cda di FCA in cui Marchionne dovrebbe chiarire tutti i dubbi sulla vicenda. Continuate, quindi, a seguirci con attenzione per tutte le novità legate ai nuovi modelli di Alfa Romeo in arrivo sul mercato.

  • Più passano i giorni, e meno se ne capisce qualcosa…

  • lionking

    Io lo capisco che i sindacati siano preoccupati, ma in questo momento non c’è possibilità credo di fare diversamente. Il SUV dell’Alfa in questo momento con la situazione economica mondiale nell’automotive non sipuò certo iniziare a produrlo, non si produce ancora la Giulia, per lo stesso motivo! Se ci vogliamo credere bisogna stringere i denti e aspettare. Avventare, non può portare nulla di buono a nessuno.

    • don vito

      Se si aspetta troppo i modeli diventerano vechi, oggi il mondo gira piu veloce…e la situazione economica e ideale per i marchi premium.

  • micol72

    ma la mito è solo 3 porte… non ha motivo di esistere… stupenda ma inutile! e il suv? arriveranno che ormai il mercato è saturo pure di quelli…

  • HECTHOREX

    I sindacati devo solo STARE ZITTI e togliersi di mezzo !!! GRAN PARTE DELLA RAGIONE DEL COLLASSO DELL INDUSTRIA ITALIANA E’ DIRETTAMENTE CAUSATO DALL COMPORTAMENTO SCELLERATO DEI VARI SINDACATI !!! E se hanno ancora un lavoro DEVONO BACIARE I PIEDI DI MARCHIONNE !!!

    • TheRaptus

      Su Marchionne ho qualche (grandissimo) dubbio. Sui sindacati no: concordo in toto!

    • ILKönz

      Se hanno un lavoro è soltanto perchè hanno dovuto cedere ai ricatti del maglioncino, che vuole trasformare i vari stabilimenti italiani in realtà produttive da terzo mondo con schiavi sottopagati.
      I sindacati devono esserci, ma devono anche funzionare, cosa che in Italia non succede. Invece negli USA o in Germania funzionano eccome, e infatti in quei Paesi gli operai hanno un salario del 50% più alto rispetto ai loro colleghi italiani, e producono pure di più.

      • umberto

        quale stabilimento fiat in Italia è equiparabile a stabilimenti del 3° mondo? ma ci credi a quello che scrivi?

        • ILKönz

          Vai a cercarti qualche servizio sugli operai di Pomigliano D’Arco, ne sentirai delle belle…
          Non che a Grugliasco se la passino meglio, visto che sono in cassa integrazione per l’ennesima volta.
          Io non devo credere a niente, piuttosto sono i fiattari che devono smettere di bersi tutte le chiacchiere del loro idolo svizzero-canadese.

          • umberto

            Servizi seri o le solite balle di sindacalisti fannulloni? Consigliami tu! Io non essendo fiattaro gli unici dati che ho sono quelli che ho letto in varie riviste non politicamente schifose e presentano una situazione completamente diversa da quella che esprimi tu, ma mi interessa particolarmente capire questo immenso sfruttamento di povere lavoratori da parte di questo tiranno! Certo era meglio che non fosse arrivato, così non sarebbero sfruttati e potrebbero stare tranquillamente a casa a non fare nulla tanto lo Stato, ovvero noi, li manterebbe.

            • ILKönz

              Mi sa che ti sfugge un piccolo particolare: se le macchine non le vendi, gli operai non li paghi. Alfa ha perso tanto in tutta Europa, Lancia idem. Chysler e Dodge non se la passano tanto meglio negli USA, Maserati produce pochissimo perchè guarda caso gli operai del loro stabilimento principale sono in CIG (è su tutti i giornali, di qualsiasi bandiera)
              Fiat va avanti soltanto con Panda e 500, ma nei segmenti alti e più profittevoli è praticamente assente. Soltanto Jeep trascina tutto il baraccone, ma a due velocità: negli USA qualsiasi modello, nonostante l’età e il prezzo maggiore, vende più del Renegade, mentre nel vecchio continente la metà di tutto il venduto del piccolo suv di Melfi si trova soltanto in Italia, che comunque è un mercato poco affidabile perchè caratterizzato dal parco auto più vecchio nella zona euro.
              E non parliamo del fallimento finanziario che costituisce Ferrari, che nelle prime settimane ha perso quasi il 30% rispetto al fork price fissato all’inizio…
              Per quanto tempo credi sarà sostenibile una situazione del genere? Perchè secondo te il maglioncino vuole così disperatamente cercare un partner? Guarda che lo ha detto lui stesso agli americani che senza un’ulteriore fusione il gruppo FCA sarà costretto ad andare avanti nella mediocrità. Testuali parole.
              E quando se ne andrà nel 2018 (ma visto come stanno le cose adesso, anche prima) tutto tornerà come ai “vecchi tempi” e migliaia di operai italiani li dovrai comunque sostenere tu con le tue belle tasse.
              Ora ti è tutto chiaro?
              Se poi vuoi ancora credere alla favoletta che entro il 2018 si venderanno 400mila alfa all’anno fai pure eh…

              • umberto

                La cosa divertente è che proprio oggi, un sindacato, e non il tuo amico maglioncino ( che già questo nomignolo che gli dai dimostra la tua inattendibilità) ha evidenziato il notevole calo della cig negli stabilimenti del gruppo.
                dopodiché fai una analisi della perdita Ferrari dimenticandoti,volontariamente, che è una perdita di borsa, peraltro non di tale intensità, la quale, nel caso non te ne fossi accorto non è focalizzata sul l’azienda ma su una congiuntura economica globale, pertanto che non significa un bel nulla.
                Poi ti lanci in analisi di mercato che sono una bufala dietro l’altra….. capisco perfettamente che non sai neanche di cosa parli dal tuo continuo riferimento a grugliasco, rileggiti un po’ la storia di quella fabbrica e forse riuscirai ad avere un quadro reale della situazione…… Sempre che riesci a vedere le cose senza la parte ideologica……. io almeno credo alle favolette, fortunatamente non ai racconta balle.

                • ILKönz

                  Certo che la CIG è calata, gli stabilimenti sono di meno! Sarebbe come dire che la disoccupazione è scesa perchè c’è meno gente che cerca lavoro.
                  Vai a dirlo agli operai di Termini Imerese in CIG dal 2011 che grande manager è il tuo idolo svizzero-canadese… soltanto ora ricominciano a lavorare, e ovviamente per un’altra azienda. Ma per piacere!
                  L’unico raccontaballe è Marchionne, inutile che neghi di essere fiattaro, visto che hai appena ammesso di credere alle sue favolette.
                  Mi aspettavo che controbattessi punto per punto alle mie analisi che tanto ti dispiacciono, anzichè limitarti a mantenerti sul vago e lanciare qualche infantile frecciatina… oh si vede proprio che sei un suo discepolo. Anzichè informarti sulle pagine economiche della Stampa o della Gazzetta dello Sport, quotidiani notoriamente asserviti agli Agnelli, vai a leggerti qualche fonte americana, magari così aprirai gli occhi una buona volta 😉

                  • umberto

                    Vedi che con un po’ di aiuto riesci a chiamare le persone con il loro nome! Non e stato difficile!
                    Premesso che non sono fiattaro ma Alfista è altrettanto premesso che di Marchionne apprezzo il fatto che ha salvato un azienda che era morta grazie proprio ai vari conta a balle nuovamente noto che vuoi confondere le carte.
                    I dati cig non riguardano lo stabilimento di Termini in quanto lo stesso e già dismesso da anni, quindi il calo è avvenuto negli altri stabilimenti ancora presenti, nonché vi sono state nuove assunzioni negli stabilmente del sud, mentre nei piani c’è un rafforzamento e riduzione della cig a mira fiori.
                    Per quanto riguarda grugliasco era una fabbrica morta con quasi 1000 dipendenti in cassa e con buone probabilità di rimanere definitivamente senza sostegno economico ( ti ricorda qualcosa il fallimento bertone) la Fiat ha acquistato il sito,, lo ha riammaleranno e quegli operai sono stati assunti e hanno di nuovo un lavoro stabile, sicuramente vi possono essere periodi di cig ma ci sono certezze lavorative.
                    Mi dispiace, non leggo la gazzetta dello sport e la stampa, leggo sempre siamo tutti compagni

                    • ILKönz

                      E chi l’ha smantellata Termini Imerese? Mia nonna? Non è stato sempre e soltanto il nostro Sergione con la scusa dell’ottimizzazione delle attività produttive e altre sue cavolate assortite?
                      Certo, facile “ottimizzare” smantellando in Italia e trasferendo in Serbia e Polonia…
                      Nel 2011 c’erano già lui e la sua FCA, se tu non te ne fossi accorto.
                      E mi spiace, che tu ti professi alfista non cambia nulla, sempre fiattaro rimani prima di tutto, almeno fin quando Alfa non sarà scorporata da Fiat, ma seriamente, non come Ferrari che è sempre in mano al filosofo e agli Elkann principali azionisti.
                      Son stato testimone di ben più di un parere, sia di persona che su internet, di molti ex lavoratori ai tempi del Portello e di Arese, che col senno di poi si sono convinti del fatto che negli anni ’60 sarebbe stato meglio che Alfa fosse finita in mano alla Ford, vedi un pò te.
                      A questo punto sai che ti dico? Anche i cinesi odierni sarebbero meglio di questi quaqquaraquà arraffoni che ci sono oggi. Dopotutto Volvo non mi sembra che se la passi male, o no?
                      Lo vuoi capire una buona volta che il maglioncino non se ne importa e soprattutto nemmeno ci capisce nulla di cosa sia davvero il prestigio di un marchio? Altrimenti non avrebbero lasciato che Pininfarina, da cui sono uscite le più belle Ferrari di sempre, fosse finita in mano agli indiani. Stesso dicasi per Maserati ora ridotta a “tirare a campare” con un cavolo di Suv che non si sa nemmeno quando verrà messo davvero a listino, manco fosse la Dacia. E i suoi operai ringraziano…
                      Se tu fossi un alfista vero queste cose dovresti condannarle senz’appello anzichè difenderle. Fatti un esame di coscienza e riflettici.

                    • umberto

                      Visto che fortunatamente sono un alfista, e non un amichetto di marchi stranieri, ti preciso che l’Alfa doveva essere venduta alla Ford nel 1985 e non nel 60, dopodiché venne regalata alla Fiat, e non venduta, con la complicità del buon Prodi e della Cgil, quindi evita di dire minchiate.
                      Per quanto riguarda la vendita la crisi dell’alfa deriva propriodall’aver costruito una fabbrica, quella di pomiciano, sempre per far contenti i mangioni dei sindac, difatti grazie a tale fabbrica un marchio glorioso come l’alfa ha iniziato a perdere parecchio …. Se invece che creare occupazione clientelare si fosse mantenuta la sola alfa ad arrese la storia sarebbe stata diversa. Sulla vendita alla Ford sono pienamente d’accordo, peccato che i sindacati, ben sapendo che in America si deve lavorare, osteggiarono tale trattativa è la fecero saltare. Quindi evita di difendere dei farabutti, fai una figura migliore. Per quanto riguarda la Maserati non ha mai venduto come ora, quindi altrettanto evita di dire cose false, almeno informati …. Non leggere solo la gazzetta dello sport e la stampa …. Infini Termini immerse era una fabbrica esclusivamente clientelare ed inutile a livello produttivo, un impresa deve guadagnare, diversamente chiude e non saltano solo i lavoratori di uno stabilimento, tutti rimangono senza lavoro. Per i cinesi sicuramente sono validi investitori, ma non pensare che fanno opere pie, se una cosa non va la chiudono…. Mentre il tuo amato Sergio in Italia ha aumentato…, quindi! Ultimo particolare, evita il se fossi, io sono un alfista vero e mi stanno sulle scatole i filo stranieri che fingono di difendere i lavoratori italiani … Alle balle non ci credo!

                    • ILKönz

                      Pomiciano… Arrese con due R… amico, dai tuoi refusi sembra che tu sia piuttosto agitato. Dai, calmati, su!
                      Qualcosa di giusto l’avresti pure detta, ma rimane il fatto che *ADESSO* l’intero marchio Alfa a livello commerciale è un disastro che sta messo peggio persino della Lancia. Lo sai che la sola Ypsilon, che altro non è che una 500 ricarrozzata e spacciata per minicar premium, vende in Europa, da sola, quasi come Giulietta e MiTo messe insieme?
                      Lo sai che la sola 156, quindi prima dell’avvento del tuo idolo maglionato che di italiano ha solo il nome ormai, vendeva quasi il doppio?
                      Gli errori del passato ci sono stati e sembra che tu, almeno di quelli, ne abbia consapevolezza, seppur alquanto confusionaria… ma il maglioncino non ha fatto altro che peggiorare le cose.
                      Tu sei convinto di essere un alfista che la sa lunga… no, tu sei soltanto un ingenuo che non ha alcun rispetto del lavoro che c’è stato dietro il marchio Alfa, tu fai soltanto il tifo per un farabutto che non paga un euro di tasse allo stato italiano e che si permette di vendere un bidone come la 500L a quasi 20mila euro sfruttando dei poveri cristi (serbi) a 320€ al mese che lavorano anche 12 ore al giorno. Che poi è proprio il motivo principale per il quale Termini Imerese smise di essere uno stabilimento fiat, altro che clientelismo!

                    • umberto

                      Indubbiamente ho scritto in maniera errata, sono contento che lo noti perché è un ulteriore dimostrazione di pochezza di argomenti ….. D’altronde a domande specifiche rispondi con la classica supponenza di quelli che pensano di avere la verità, che non rispondono ( sulla bretone volontariamente taci) sulle vendite Maserati idem, su termini inventi una frottola colossale ecc ecc, dopodiché da classico soggetto pateticamente ideologizzato, quando sei colto in fallo mi dai del confusionario sul passato alfa, quando da perfetto ignorante hai confuso la storia Alfa con la Ferrari ( nel 60 vi era una trattativa tra la Ford e la Ferrari …. Non con l’Alfa!)
                      Per quanto riguarda i miei idoli sicuramente non rientrano nel campo dell’industria, quindi mio povero invidioso di marchionne ( e si comprende chiaramente da come lo avversi …. Però fattene una ragione, lui è lui e tu se tu) continua a scrivere tranquillamente stupidaggini.
                      E adesso un altro dato a cui non risponderai, l’occupazione Fiat nel 2003 era di 46.000 persone, nel 2014 di 62.000′ e merito tuo questo aumento di occupati? O sarà merito di quello che vorresti essere, ma non puoi essere …. Ovvero il tuo amico Sergio!
                      Per il resto tranquillo, posso fare errori di battute, ma non mi arrabbio di sicuro per dare delle risposte su un social, la mia regola è che tutti devono esprimere le loro opinioni, le rispetto e le contesto, ma sempre evitando di offendere, salvo che il primo ignorante saputello inizi ad offendere, allora rispondo a tono …. Ma non mi arrabbio di sicuro.
                      Attendo la tua illuminata risposta sul motivo dell’incremento occupazionale.

                    • ILKönz

                      La mia illuminata risposta? Me l’hai servita su un piatto d’argento, razza d’arrogantello ignorante che non sei altro: nel 2003 non c’erano schiavi che lavorano in Messico (Freemont), Polonia(500), Turchia (Aegea/Tipo 2) e Serbia (500L) come ci sono adesso! Grazie al cavolo che sono di più, ma quanti di *tutti* gli operai FIAT (e bada bene, intendo FIAT come brand singolo e non come gruppo industriale intero, quindi al netto di quelli americani di Chrysler e co.) sono davvero italiani?
                      Dovresti davvero vergognarti a difendere “un manager” come marchionne, ma prima fatti un giro nei vari stabilimenti *ITALIANI* della Fiat, tipo Mirafiori, e chiediti perchè gli operai sono i primi a *NON* comprare le macchine che loro stessi assemblano, ed è tutto un via vai di auto tedesche, francesi e giapponesi…
                      Davvero: VERGOGNA!
                      Ma tanto obbietterai anche stavolta che le mie sono tutte frottole, quindi inutile continuare. Passo e chiudo, pivello. 😉

                    • umberto

                      Vedi che sei troppo animoso …..cos’è dovevi essere assunto in Fiat e non ti hanno preso? Ma stai tranquillo che ad una persona in gamba come te gli danno un bel posto da manager….. Ti chiameranno maglioncino!!!! Ad arroganza non sei da meno, come capacità le dimostrerai!!!!
                      Comunque hai dimostrato di non sapere di che parli, ti arroghi il diritto di sparare sentenze senza neanche sapere minimamente nulla, parli di Maserati e probabilmente non sai neanche dove la producono, parli di Mirafiori e ti lanci su di una analisi degli acquisti delle auto da parte dei dipendenti la quale, peraltro, più che dimostrare l’inaffidabilità del prodotto, dimostrerebbero l’indifendibilita di chi sputa nel piatto in cui mangia!
                      Caro amico i dati di occupazione sono quelli relativi solo agli stabilimenti italiani!!!!! Ma cosa vuoi parlare di Fiat se non sai neanche quanti sono i dipendenti In Italia e nel mondo…. Lascia predere, vergognati tu di parlare male di una azienda e delle persone che ci lavorano, evita di denigrate Un azienda che grazie allo sforzo di tutte le persone che vi lavorano, non solo del tuo compare Sergio, e riuscita ad uscire da una brutta crisi.
                      Io sono tranquillo, perche’ oltre che volare gli asini ragliano.

                    • ILKönz

                      Cioè, accusi prima gli operai di essere indifendibili soltanto perchè hanno l’accortezza di non comprare i sovrapprezzati bidoni che assemblano e poi hai pure il coraggio di dire a ME che dovrei vergognarmi?
                      Ancora una volta confermi quanta confusione tu abbia nella tua limitata testolina da servo della gleba.
                      Voglio vedere se starai ancora tranquillo quando tra pochi anni non potrai far altro che constatare il fallimento dei vari obbiettivi FCA riguardo ai loro ridicoli piani industriali.
                      Il primo campanello d’allarme sarà a Ginevra tra un paio di mesetti, dove la mirabolante gamma Giulia *non* sarà presente al gran completo… e allora forse comincerai ad aprire gli occhi.

                    • umberto

                      Come al solito non rispondi, sei un provero frustrato che parla solo perche’ ha la lingua in bocca, non sai di che parli ma pretendi di insegnare agli altri. Lascia predere, prima informati bene di quello vuoi scrivere dopodiche potrai affrontare un adeguato confronto. Ti permetti di offendere perche non sai dare delle risposte alle osservazioni oggettive, vivi nell’illusione di poterti permettere di dire tutto quello che ti passa per la testa, quindi oltre che essere invidioso del tuo amichetto sei pure un povero Viziatello!!!!! Comunque sono orgoglioso di essere un servo della gleba, meglio servo Che ignorante e Presuntuoso

                    • ILKönz

                      gne gne gne…
                      Ne riparliamo a Marzo 😉

    • Ste

      perchè gli ultimi 20 anni di politica ci hanno fatto bene invece, dovresti lavorare senza tutele e poi mi fai sapere

  • Guida alfa romeo senti la guida sportiva che solo alfa romeo ti dà