Alfa Romeo, vendite in forte calo in tutti i principali mercati europei nel 2015

di -

In attesa dell’arrivo dei dati di vendita definitivi per il mercato europeo, attesi tra circa una settimana, per Alfa Romeo il bilancio del 2015 appena terminato al di fuori dei confini italiani appare decisamente negativo. Il marchio italiano, che cresce del +7% in Italia grazie alla forte crescita della Giulietta (+17%), fa registrare un calo generalizzato negli altri quattro principali mercati europei: Germania, Regno Unito, Francia e Spagna. Il dato assume un carattere ancora più negativo se si considera il forte trend di crescita che il mercato continentale ha messo in mostra nel 2015. Vediamo come sono andate le vendite di Alfa Romeo nel 2015 nei 4 principali mercati europei.

Regno Unito

Nonostante un mese di dicembre positivo, chiuso con una crescita del +13,7%, nel Regno Unito Alfa Romeo si ferma a quota 5.069 unità vendute nel 2015, un dato che si traduce, in termini percentuali, in un calo del -8.2% rispetto ai dati di vendita realizzati dal brand nel 2014.

Germania

In Germania, il marchio Alfa Romeo ha attraversato un 2015 estremamente difficile con vendite ridotte davvero all’osso. In totale, infatti, Alfa Romeo ha venduto appena 2.800 unità sul mercato tedesco che, in termini percentuali, evidenziano un calo del -17,4% rispetto ai dati del 2014. La quota di mercato di Alfa Romeo in Germania è pari ad appena 0.1%.

Francia

Anche in Francia, secondo mercato mondiale per Alfa Romeo, il 2015 è stato un anno disastroso per le vendite del marchio che raggiunge quota 6.353 unità vendute con un calo del -16,5% rispetto ai dati registrati nel 2014.

Spagna

Situazione leggermente migliore in Spagna dove Alfa Romeo, grazie ad un dicembre in netta crescita (+26%), chiude il 2015 con un totale di 2.851 unità vendute ed un calo, rispetto ai dati del 2014, pari al -7,2%. Da notare come le vendite della Giulietta risultino discrete (2.517 unità vendute e -3,5% rispetto al 2014) a differenza di quanto accade per la MiTo la cui presenza sul mercato, al di fuori dell’Italia, si riduce sempre di più.

E’ chiaro che il 2016 appena iniziato sarà un anno completamente differente per il marcio italiano che registrerà l’avvio delle vendite in Europa dell’Alfa Romeo Giulia, la nuova berlina di segmento D a cui sarà affidato il compito di rilanciare completamente l’immagine del brand. Nei prossimi mesi, inoltre, arriveranno anche i restyling di MiTo e Giulietta che dovrebbero contribuire al miglioramento delle vendite in attesa dell’arrivo dei nuovi modelli previsti dal piano industriale. Nel 2017, con l’arrivo sul mercato del nuovo D-SUV e della nuova generazione della Giulietta, le potenzialità di Alfa Romeo in Europa dovrebbero essere decisamente differenti ed i numeri di vendita dovrebbero tornare a crescere in modo consistente.

  • <3 My big love !

  • Considerando che a listino ci sono due modelli, tra l altro vecchie rispetto alla concorrenza, è già tanto che vendano qualcosa…

  • それでも、稀少車として、販売台数少ない方が、中古車としてのというか、ほしいクルマの価値は年々高くなる。アルファロメオって不思議なクルマ。

  • se non si investe seriamente sul marchio proponendo nuovi modelli per diversi segmenti si fa alla svelta a farsi bagnare il naso dai crucchi

  • OSCAR

    … VENDITE IN FORTE CALO!… E NONNO ARDUINO AL MARKETING ALFA CHE FA?:
    TI RIDUCE LA POTENZA DEL RANGE ALFA Giulietta /MiTo, ALTRO NON C’E’…!!!
    DI FATTO DECLASSANDO L’ALFA, CON PREZZI MEDIO ALTI, A NORMALI AUTO à la FIAT MANIERA, MA…… A PREZZO PIU’ ELEVATO!!
    BISOGNEREBBE DIRE A NONNO ARDUINO, AL MARKETING ALFA, DI CAMBIARE PUSHER: GLI VENDE ROBACCIA!…

  • carola

    E’ un vero peccato, ma il rilancio vero è previsto per il 2016, quindi non disperiamo. Le vendiate aumenteranno, con i nuovi modelli e i restyling tutto cambierà, bisogna solo avere fiducia. Io ci credo!

  • umberto

    è normale, stanno per uscire i nuovi modelli e quindi il calo sui vecchi è una conseguenza.

  • Maurizio

    Stanno tutti aspettando la Giulia e il SUV. E poi vedrete le vendite crescere tantissimo.

  • Tutto questo l’ha voluto il gruppo fiat, che ha lasciato 2 macchine di questo glorioso marchio nei listini, concentrandosi su fiat 500 e panda…Per forza di cose da Alfista devo comprare un’altra auto, ma del segmento che mi interessa dovrò scegliere un altro marchio.Anche del marchio Lancia ne vogliamo parlare? Basta aprire un listino di altri marchi e per ogni segmento si trova berlina;sw, coupè e crossover.

    • umberto

      be se non usciva la Giulia mi sarei comprato la Giulietta, quindi non c’è proprio la necessità di auto di marchi diversi…. dopodiché indubbiamente ultimamente vi erano poche auto in listino, spero che nel futuro ce ne siano di più…. diversamente da Alfista continuerò a comprare quello che viene prodotto, poco o tanto non importa, l’importante è che ci sia lo scudetto Alfa Romeo!

  • ILKönz

    Quando lo dicevo io…
    Vediamo che combinano al salone di Ginevra, se presentano *tutta* la gamma Giulia allora ci sarà un minimo di speranza, perchè durante l’anno si potrà vendere e attaccare un segmento finalmente importante.
    Ma se continuano con i rinvii sarà davvero finita, bene che vada Alfa farà la fine della Lancia e sarà ridotta a pattumiera di qualche marchio americano del gruppo, molto probabilmente Dodge.

  • paomirtillo88

    Viste le ultime news, ovviamente tutti aspettano i nuovi modelli. Normale ci sia un calo!!

  • Hiciba92

    Be, io non sarò un analista di mercato, ma questa strategia di marketing da parte di Marchionne, è azzardata. Ok, abbiamo una berlina Alfa decisamente promettente, ma non si può puntare soltanto su essa, tralasciando il segmento più accessibile e richiesto (il c). Almeno che non ci sia un sostanziale restyling della Giulietta, io vedo semplicemente un’annata sprecata. Spero davvero nell’introduzione della nuova generazione della Giulietta, quest’anno!!

  • Alessandro

    È un momento di transizione ed è normale che ci sia un calo!Dopo anni di trascuratezza del marchio ora risollevarlo è difficile soprattutto in tempi brevi,comunque non vorrei mai un listino Alfa come quello di BMW che sembra che voglia fare auto per tutti cadendo a volte nel banale ( serie 2 è orrenda).Poche auto ma buone e potenti.Forza Alfa