Alfa Romeo: Il ritorno in Formula 1 dipenderà dal successo della Giulia

di -

Oltre all’arrivo sul mercato di ben otto nuovi modelli, il futuro di Alfa Romeo potrebbe registrare anche il ritorno del marchio in Formula 1 dopo tantissimi anni d’assenza. Il ritorno in pista ed, in particolare, in Formula 1 permetterebbe di rilanciare in modo completo il marchio Alfa Romeo che tornerebbe nel mondo delle corse, in cui sono state scritte pagine importanti di storia, e potrebbe beneficiare anche di una vetrina mediatica importantissima.

Secondo Sergio Marchionne, che sul finire del 2015 ha, sorprendendo tutti, aperto la porta ad un ritorno di Alfa Romeo in Formula 1, il ritorno in pista del marchio italiano è un’ipotesi concreta: “Senza dubbio è possibile che entri in Formula 1 ma in che maniera ancora non si sa, è un discorso da capirsi per il futuro l’importante adesso è annunciare la nuova Giulia e che tipo di risultati economici riusciamo a portarci” Secondo Marchionne, inoltre, l’ingresso di Alfa Romeo in Formula 1 sarebbe piuttosto difficile “senza l’appoggio di un altra scuderia”.

Possiamo essere sicuri che rumors ed indiscrezioni sul possibile debutto del marchio italiano in Formula 1 saranno numerosissimi, nonostante ciò, come sottolineato da Marchionne stesso poche ore fa, prima di poter registrare passi in avanti concreti nel progetto di ritorno in pista di Alfa Romeo sarà necessario attendere la risposta del mercato all’arrivo della nuova Alfa Romeo Giulia, il modello più importante, senza alcun dubbio, del futuro del marchio italiano. Dalla Giulia, infatti, dipenderanno gran parte dei progetti futuri di Alfa Romeo ed un possibile successo commerciale potrebbe portare anche ad un incremento degli investimenti e, quindi, all’arrivo di nuovi modelli, sino ad oggi non preventivati, ed al possibile ritorno di Alfa Romeo alle corse. Ricordiamo che il logo Alfa Romeo ha fatto la sua apparizione sulla monoposto Ferrari nel campionato 2015 di Formula 1. ferrari alfa romeo formula 1

Ricordiamo che la nuova Alfa Romeo Giulia, già svelata a giugno ad Arese in versione Quadrifoglio, debutterà con tutta la sua gamma al Salone dell’auto di Ginevra di marzo. Nel corso della fiera svizzera, Alfa Romeo solleverà completamente il sipario sul progetto Giulia svelando tutti i motori e gli allestimenti della berlina e ufficializzando, si spera, la data di arrivo in concessionaria ed i prezzi di vendita. Già tra poche ore, nel corso del Salone di Detroit, dove sarà esposta nuovamente la Giulia Quadrifoglio, Alfa Romeo potrebbe rilasciare qualche nuovo dettaglio in merito al progetto.

In attesa, quindi, di scoprire la versione base della Giulia, non possiamo che ribadire l’estrema importanza che la nuova berlina ed il suo successo commerciale, che ci auguriamo sia enorme, avrà per il futuro del marchio Alfa Romeo in Italia, in Europa e nel resto del mondo. Il possibile ritorno in Formula 1 potrebbe essere, quindi, legato a doppio filo alla risposta che il mercato darà all’arrivo della Giulia. Continuate a seguirci per ricevere tutti gli aggiornamenti in merito alla nuova berlina della casa italiana che, di settimana in settimana, si avvicina sempre di più al suo debutto in strada non solo in versione Quadrifoglio ma anche in tutte le sue versioni base che rappresenteranno il vero cuore dell’offerta commerciale della Giulia sul mercato.

  • Ah ecco, mi sembrava che Minchionnaire l’avesse sparata grossa di nuovo… Brutti animali di dirigenti da quattro soldi, basterebbe rientrare nel WTCC per ora… e magari FIAT e soprattutto Lancia nei rally

  • Te pareva…. Nn hanno obbiettivi validi cm sempre….allora meglio stare zitti

  • Non so se avete letto tutti gli articoli in merito, ma mi sembra che non ci fosse niente di certo. Criticare tanto per farlo serve a poco. Non mi sembra che Marchionne abbia detto “torniamo in F1 con Alfa”

  • ILKönz

    Ma quale F1 se non hanno nemmeno la capacità di rispettare i tempi di commercializzazione dei modelli di serie?
    Prima gli Elkann si decideranno a cacciare a calci nel sedere questo pericoloso sparaballe, meglio sarà per tutti.

    • don vito

      Gli Elkann senza il grande alchimista sarebbero nudi e crudi e la Fiat gia 10 anni in mani dai Indiani o Cinesi. Quanto riguarda la F1 hai completamente ragione.

      • ILKönz

        Sarebbero rimasti in mutande pure se il filosofo fosse riuscito a fondere FCA con GM, di fatto tagliandoli fuori da ogni posizione di controllo.
        Questo almeno l’avranno capito, no? Forse hanno già dimenticato di come si è liberato di Montezemolo…

  • paomirtillo88

    Credo sia abbastanza ovvio che ci sarà una correlazione. Giulia rappresenta il modello di punta, ovvio che dal suo destino dipenderanno molte altre mosse. Lo spirito sembra quello giusto 🙂