Ferrari si separa da Fiat Chrysler

George Soros investe 28 milioni nella Ferrari

Fiat Chrysler Automobiles (FCA) ha dato il via alla separazione dalla Ferrari. Un’operazione che avrà luogo tra l’1 e il 3 Gennaio 2016. La “Rossa” sarà quotata sul Mercato Telematico Azionario (MTA).

Ferrari sbarco Borsa Italiana

Fiat Chrysler ha dunque annunciato ufficialmente la separazione da Maranello con l’avvio di un’operazione che, come anticipato, sarà portata a termine tra l’1 e il 3 Gennaio.

Il gruppo FCA distribuirà agli azionisti e agli obbligazionisti a conversione obbligatoria la partecipazione in Ferrari, pari all’80 per cento.

Una volta conclusa tale operazione, Ferrari sarà quotata anche su Borsa Italiana a partire dal 4 Gennaio 2015. I  titoli della società di Maranello continueranno ad essere scambiati anche a Wall Street.

Fca-Ferrari separazione

Dal 4 Gennaio 2016 sarà dunque possibile scambiare le azioni della “Rossa” sia sul Mercato Telematico Azionario sia sulla Borsa di New York.

Una operazione di scissione fra le due case automobilistiche che prevede il conferimento di 1 azione di Ferrari ogni 10 azioni di FCA detenute. Sarà assegnata soltanto 1 azione a voto speciale Ferrari per ogni 10 azioni a voto speciale possedute di FCA.

I titolari di obbligazioni a conversione obbligatoria otterranno 0,77369 azioni ordinarie Ferrari per ogni Mcs unit detenuta al 5 Gennaio, ovvero da quando sarà registrata nei sistemi informatici l’effettiva separazione tra le due aziende.

Inoltre i possessori di azioni Fca riceveranno un pagamento in contanti di 0,01 euro per ogni azione posseduta alla data del 5 gennaio 2016.

Le azioni ordinarie di FCA verranno scambiate dal prossimo 4 Gennaio 2016 sia sul Mercato telematico italiano che sul Nyse. Da segnalare che l’ultima data utile in cui le azioni ordinarie FCA acquistate daranno il diritto di ricevere azioni Ferrari, sarà il prossimo 30 Dicembre 2015.

Le azioni ordinarie Ferrari saranno caratterizzate dal simbolo Race anche sul Mercato Telematico Italiano, come a Wall Street.

Dunque si avvicina sempre di più il debutto alla Borsa di Milano del titolo della Rossa di Maranello. Fra i partecipanti all’evento è certa la presenza di John Elkann, del presidente Sergio Marchionne, del vicepresidente Piero Ferrari, dell’amministratore delegato di Borsa Italiana, Raffaele Jarusalmi, e del presidente, il neo Andrea Sironi.

Fca, nella giornata di ieri fatto inoltre sapere che la controllata Usa ha rimborsato tutte le secured senior notes che prevedevano la scadenza del 2021 e un rendimento dell’8,25%, per un ammontare nominale complessivo di 3,08 miliardi di dollari.