Fca dovrà pagare multa 70 milioni di dollari

Fca volano i conti. Magneti Marelli, nessuna cessione

Trovato l’accordo con la National Highway Traffic Safety Administration, che ha accusato la casa automobilistica italo-americano Fca, guidata da Sergio Marchionne, di non aver rispettato le norme sulla comunicazione. Ecco a seguire tutti i dettagli emersi sulla vicenda.

Fiat Chrysler Automobiles multa

Fca ha dunque accettato di sborsare 70 milioni di dollari e chiudere il “contenzioso” con l’Autorità americana sulla sicurezza stradale. Lo notizia è stata diffusa nelle scorse ore dalla Reuters.

La National Highway Traffic Safety Administration (Nhtsa) ricordiamo che ha accusato la casa automobilistica della Fca di non aver comunicato i dati relativi ai suoi veicoli coinvolti in incidenti stradali con morti e feriti.

Nello scorso mese di settembre i vertici di Fiat Chrysler Automobiles avevano ammesso i problemi di comunicazione riscontrati nei mesi precedenti, impegnandosi a collaborare con le autorità per evitare il ripetersi di simili problematiche in futuro.

Non ci sono comunque dati ufficiali in grado di accertare con sicurezza i morti e feriti in incidenti su auto del gruppo Fca, a seguito dei difetti di fabbricazione, a causa delle divergenza sui numeri al riguardo.

Fca Legge USA NHTSA

La legge USA di riferimento risale al duemila, il Tread Act, con cui si impone alle case automobilistiche di comunicare mensilmente alla National Highway Traffic Safety Administration (Nhtsa) tutti i dati dei propri veicoli coinvolti in incidenti stradali in cui si sono registrati morti e feriti.

Il motivo è di accertare eventuali difetti di fabbricazione e provare a ridurre gli oltre 33mila incidenti mortali che ogni anno si registrano negli Usa.

L’accordo raggiunto sull’ammontare della sanzione da pagare dovrebbe essere ufficializzato a breve da parte della agenzia federale per la sicurezza stradale.

Fiat Chrysler sarà dunque costretta a pagare un’altra multa alle autorità statunitensi dopo quella da 105 milioni di dollari ricevuta lo scorso mese di luglio per la violazione delle norme sui richiami.