Metano: pro e contro, quando e perché conviene?

Metano quando conviene perché pro contro risparmio

Si parla spesso dei benefici del metano, che porta al risparmio di denaro. Proveremo a chiarirvi qualsiasi dubbio, spiegandovi i pro e i contro, quando conviene ed eventualmente perché questo carburante dovrebbe portare meno spese per la vostra auto. Troverete tutto di seguito, con dettagli completi sulla questione.

Metano, i pro

I punti favorevoli al metano sono di due tipi: l’economicità di questa tipologia di carburante auto e l’inquinamento portato all’ambiente.

Dal punto di vista del risparmio economico, il metano conviene perché i costi per l’importazione del greggio sono più contenuti rispetto a benzina e diesel e i consumi sono inferiori. 1 kg di metano, equivalente all’incirca ad un litro e mezzo di benzina, costa più o meno 1 euro, mentre 1 litro di benzina si aggira attualmente sugli 1,75 euro. Il risparmio è notevole, perciò il costo maggiore (che vedremo nei punti contrari) delle vetture a metano può essere riassorbito in 40.000 chilometri circa.

Perché essere contro il metano

Oltre al costo maggiore delle auto con impianto a metano rispetto alle vetture a diesel o benzina, va considerata la difficoltà nel fare rifornimento in varie zone d’Italia. In tutta la Sardegna non esistono distributori per auto a metano, così come in Molise, Liguria, Calabria, Basilicata e Friuli-Venezia Giulia non si raggiungono i 10 distributori per ogni singola regione. Al contrario, le regioni più fornite sono l’Emilia Romagna (174 punti), la Lombardia (144) e il Veneto (129), che sono le uniche tre sopra il centinaio.

Conclusione: quando e perché conviene il metano

In conclusione, il metano conviene a chi usa spesso la macchina e può riassorbire in poco tempo (3-4 anni, con almeno 10.000 chilometri l’anno) la spesa maggiore per il veicolo. Inoltre, è da considerare la regione dove si vive, visto che come abbiamo visto non tutta l’Italia è ben provvista di punti adatti al rifornimento.