Alfa Romeo Giulia diesel, prova su strada per i primi prototipi (Video)

Dopo aver conquistato il Salone di Francoforte con la Giulia Quadrifoglio, Alfa Romeo in questi giorni è tornata a concentrarsi sullo sviluppo dei modelli base dell’Alfa Romeo Giulia che, ricordiamo, debutteranno in pubblico il prossimo anno, nel corso dell’edizione 2016 del Salone dell’auto di Ginevra. Già da diversi giorni, anche se i principali media del mondo automotive hanno iniziato a riportarlo in queste ore, circola in rete un breve filmato, che potete visionare qui di sopra, che raffigura una prima prova su strada di un esemplare quasi definitivo, notate i particolari della carrozzeria rossa coperti da alcune protezioni, dell’Alfa Romeo Giulia diesel, probabilmente la versione più attesa ed importante, dal punto di vista commerciale, del progetto della nuova berlina di segmento D della casa italiana.

Leggi anche – Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: Sette colorazioni disponibili, quale vi piace di più?

Probabilmente nelle prossime settimane arriveranno in strada numerosi nuovi muletti della Giulia base che, a differenza di quanto riportano alcuni rumors della scorsa settimana, potrebbe essere disponibile in concessionaria già nel corso della prossima primavera. Ricordiamo che la gamma della Giulia comprenderà, stando a delle indiscrezioni, decisamente solide, delle ultime settimane, un quattro cilindri turbodiesel da 2.2 litri che si differenzierà dal 2.2 MultiJet montato da diverse vetture del gruppo FCA, come la Jeep Cherokee, per diversi particolari costruttivi come, ad esempio, un inedito basamento in alluminio. Questa particolare unità della Giulia sarà disponibile in tre differenti step di potenza (133, 178 e 207 CV) e sarà affiancata in listino dal potente 3.0 V6 biturbo turbo diesel in grado di raggiungere una potenza massima di ben 335 CV. Il listino dei motori benzina della nuova Alfa Rome Giulia presenterà, invece, un inedito motore 2.0 litri turbo benzina che sarà declinato anch’esso in tre differenti step di potenza (178 , 250, 326 CV). Naturalmente, al top della gamma della nuova berlina, troveremo la Giulia Quadrifoglio ed il suo potentissimo motore V6 2.9 bi-turbo di derivazione Ferrari da 510 CV che ha consentito alla nuova segmento D di realizzare il tempo record di 7 minuti e 43 secondi al Nurburgring. Maggiori dettagli in merito alla gamma completa della nuova Alfa Romeo Giulia, alle sue versioni diesel e benzina che andranno ad affiancare la Giulia Quadrifoglio potrebbero emergere già nel corso dei prossimi giorni. Continuate, quindi, a seguire con attenzione ClubAlfa.it per restare in contatto con tutti gli aggiornamenti sul progetto Giulia.