FCA richiama 1,5 milioni veicoli

Fca volano i conti. Magneti Marelli, nessuna cessione

Il Gruppo FCA ha annunciato un nuovo richiamo auto in America a seguito di difetti riscontrati agli airbag e allo sterzo. Un maxi richiamo in quanto coinvolge oltre 1,5 milioni di veicoli. Ecco di seguito tutti i dettagli.

Un nuovo invito a presentarsi in officina per 1,5 milioni di autoveicoli che Fca ha deciso negli Usa a causa di difetti allo sterzo e agli airbag. Proseguono dunque i richiami del Gruppo italiano negli Stati Uniti, dopo le più recenti multe e gli attacchi degli hacker sulle vetture a brand Jeep.

Fca ha richiamato innanzitutto un totale di 1,06 milioni di Ram 1500, 2500, 3500, 4500 e 5500 prodotti nel periodo compreso fra il 2012 ed il 2014 e vendute negli Usa. Si attendono richiami per gli stessi modelli anche in Canada, in Messico e fuori dagli USA. Tutti i veicoli invitati in officina saranno sottoposti alla sostituzione dei cablaggi dello sterzo, in quanto potrebbero causare un corto circuito e una improvvisa esplosione dell’airbag lato guida.

Il gruppo italo americano ha inoltre richiamato in officina altri 156.490 Ram 2500 e 3500 prodotti nel 2013 e 2014 e venduti sempre negli Stati Uniti. Il motivo del nuovo invito a presentarsi in concessionaria è un problema riscontrato su alcuni componenti dello sterzo. Si attendono, per lo stesso motivo, ulteriori richiami di veicoli anche in Canada, in Messico e in altri Paesi.

Un nuovo richiamo è stato annunciato anche per 188 mila Ram 1500 Quad Cab  prodotti negli anni 2014 e 2015. In questo caso la richiesta di presentarsi in officina è relativo a un problema di conformità degli airbag laterali con le normative federali.

Un periodo molto particolare per il gruppo Fca che da un lato sta andando molto bene per quanto riguarda le vendite su scala mondiale ma dall’altro  sta incontrando parecchie difficoltà a seguito dei richiami e multe negli USA.

Un periodo sfortunato per FCA negli Stati Uniti, dove negli ultimi tempi si sono registrati problemi per i modelli  Journey, il Fiat Freemont,  la Jeep Cherokee  e la Jeep Renegade.  Siamo comunque certi che non saranno questa problematiche a rallentare la crescita del gruppo guidato da Sergio Marchionne.