Ventisette anni fa, il 14 agosto del 1988, moriva Enzo Ferrari, una leggenda assoluta del mondo dell’automobilismo, una delle figure chiave della storia delle quattro ruote, fondatore dell’azienda Ferrari che, ancora oggi, porta con estremo orgoglio il suo nome sia in strada, con modelli sempre al top del mercato, che in pista, grazie alla Scuderia Ferrari protagonista, ogni anno, nel bene o nel male, del Campionato mondiale di Formula 1. A distanza di più di mezzo secondo dalla scomparsa, l’azienda Ferrari, nella persona del Presidente Sergio Marchionne, ha voluto celebrare la memoria di Enzo Ferrari con un nuovo articolo pubblicato sul sito ufficiale Ferrari

Marchionne, in questo intervento, scrive: “Sono passati 27 anni da quando Enzo Ferrari ci ha lasciato, ma oggi i suoi principi e i suoi insegnamenti sono ancora più forti e attuali. La determinazione con cui ha affrontato le tante sfide della vita, il coraggio di prendere rischi e andare contro corrente, l’avida curiosità che lo ha portato a innovare costantemente sono solo alcuni degli esempi che guidano la quotidiana attività di chi lavora in Ferrari. Personalmente vivo questa eredità come un costante punto di riferimento, uno stimolo a fare sempre meglio”

A ricordare la figura di Enzo Ferrari ci pensa anche il figlio Piero Ferrari, oggi vice presidente di Ferrari Spa e proprietario del 10% dell’azienda. “E’ ogni volta difficile condividere pubblicamente un anniversario così personale come la scomparsa del proprio padre. Eppure lo faccio sempre volentieri, perché ogni giorno tante persone nel mondo mi contattano e mi fanno sapere quanto Enzo Ferrari sia stato importante per loro. Non solo clienti o tifosi, ma anche gente che pur non avendo avuto contatti con la Ferrari vede nel coraggio di mio padre, nella sua capacità di perseguire gli obiettivi un’ispirazione per la propria vita”