Fca cresce negli Usa, crollo in Brasile

fca

Fiat Chrysler  Automobiles ha chiuso il mese di luglio in crescita negli Stati Uniti ma ha registrato un forte calo in Brasile.

Negli USA, Fca ha archiviato lo scorso mese con un incremento delle immatricolazioni del 6 per cento a 178.027 veicoli. In crescita i marchi Chrysler, Jeep e Ram Truck. Da segnalare l’ottima performance di Jeep che ha registrato un incremento del 23 per cento, il più elevato tra i brand del gruppo italo americano negli Usa.  Risultati record per la Chrysler  200 che ha segnato una crescita delle vendite dell’85 per cento.
Ritornando al marchio Jeep, è stato archiviato il ventiduesimo mese consecutivo di aumenti di vendite, con un incremento del 22 per cento per il Patriot, una crescita del 30 per cento per la nuova Jeep Renegade e un rialzo del 5 per cento per la Jeep Grand Cherokee.
Chrysler ha chiuso il mese con vendite in crescita del 10 per cento. Oltre ai risultati della Chrysler  200 (+85 per cento), da segnalare il rialzo della Chrysler  300 del 6 per cento, miglior mese di luglio dal 2007.
In crescita dell’1 per cento negli Usa anche il marchio Ram Truck (Ram pickup, Ram ProMaster, Ram ProMaster City e Ram Cargo Van), e il brand Dodge, con il Challenger in rialzo del 20 per cento e il Journey che cresce del 16 per cento. La nuova Fiat  500X chiude il mese in rialzo del 197 per cento su giugno, anche se le vendite di Fiat sono calate complessivamente del 15 per cento rispetto allo stesso mese dello scorso anno.

Un luglio decisamente debole invece per l’auto in Brasile. Le immatricolazioni di autoveicoli sono scese del 23 per cento.  Fiat  ha perso il 33 per cento su base annuale a 40mila unità e da inizio anno ha registrato immatricolazioni in calo del 33,5 per cento, con una quota di mercato pari al 18,4 per cento. Il gruppo punta su un parziale ripresa delle vendite a seguito del lancio del nuovo Jeep Renegade.