Jeep vola e Grimaldi acquista altre tre navi

Jeep vola e Grimaldi acquista altre tre navi

Un accordo siglato da tempo tra Fiat Chrysler Automobiles e il Gruppo Grimaldi per il trasporto in Nord America dei modelli delle Jeep prodotte nello stabilimento di Melfi. Una intesa che ha “costretto” di recente il gruppo Grimaldi a un nuovo ordine di navi al cantiere cinese Jinling per un valore complessivo di ben 165 milioni di dollari.

Altre tre “imbarcazioni” che si sommano ad altre  cinque dello stesso tipo ordinate due settimane fa al cantiere cinese Yangfan, per un ammontare di 300 milioni di dollari.

Complessivamente il gruppo Grimaldi ha ordinato soltanto nell’ultimo mese ben otto navi per trasporto di autoveicoli per un investimento totale da 465 milioni di dollari. Secondo quanto riportato in una nota della stessa società, le previsioni future sono rosee e in tal ottica già sottoscritte opzioni di prelazione per l’acquisto di altre otto navi.

Il gruppo Grimaldi ha reso noto che in questo modo va a completarsi il programma di potenziamento della propria flotta “car carrier”, con la costruzione di otto nuove unità e l’opzione per ulteriori otto.

Nel comunicato dell’azienda si legge inoltre che ‘entro il 2016 verranno consegnate cinque navi con/ro alla controllata Atlantic Container Line. Con una capacità di carico di 3.800 teu, 28.900 metri quadrati di carico rotabile e 1.307 automobili, saranno le più grandi del loro tipo al mondo, oltre ad essere più veloci, più ecologiche e più efficienti rispetto alle navi attualmente operate da Acl’.

Grimaldi mette in risalto che la consegna dei nuovi tre car carrier è prevista per il 2017. Saranno adoperati prevalentemente per l’esportazione di veicoli del gruppo Fca verso i mercati statunitense e canadese. La società fornisce anche indicazioni in merito alla loro capacità di carico: otto ponti, quattro fissi e quattro mobili, ed in grado di trasportare ben 6.700 autoveicoli.