Ferrari, Vettel si schiera a fianco delle “ombrelline”

Ferrari, Vettel si schiera a fianco delle “ombrelline”

Il pilota della Ferrari, Sebastian Vettel, ha bocciato l’esperimento del GP di Monaco, dove sulla griglia di partenza sono apparsi i “grid guys” al posto delle amate “grid girls”.

Sebastian Vettel si è confessato e ha parlato a tutto tondo in una lunga intervista rilasciata nei giorni scorsi alla Sport Bild in Germania.

Il campione della Ferrari ha sottolineato innanzitutto di non essere per nulla contento del fatto che la Germania ha perso la gara di casa, rendendosi conto inoltre che la gente a casa ha sempre maggiori difficoltà a seguire una disciplina che è diventata molto più complicata rispetto al passato, ”fatta di regole incomprensibili ai più. Bisogna avvicinare nuovamente la gente alle corse. Un metodo? Abbassare i prezzi dei biglietti. Un padre di famiglia non può permettersi di portare moglie e figli ai GP”.

Il pilota tedesco racconta che sin da bambino è appassionato di questo sport, ammettendo che alla sua prima esperienza su una monoposto da Formula 1 ebbe paura, in quanto in passato le auto erano molto più difficili da gestire: “Ci volevano davvero due palle così per guidarle”.

Vettel ha bocciato senza appello l’esperimento del GP di Monaco, quando sulla griglia di partenza hanno debuttato in Formula 1 i “grid guys” al posto delle “ombrelline”: “Ci sono tradizioni che dovrebbero andare avanti come quella delle grid girls. Personalmente preferisco che davanti alla mia auto prima della partenza ci sia una bella ragazza e non un uomo. Non la vedo come una cosa sessista”.

Sebastian infine ha confessato di essere entusiasta del clima trovato a Maranello e del suo compagno di squadra, Kimi Raikkonen, definito dallo stesso un “campione, un autentico fuoriclasse”.

 

FONTE: gazzetta.it

  • Lucio Scuderi

    Sulle grid girl mi trovo pienamente daccordo con Seb.