FCA: Elkann supporta la ricerca di nuovi partner da parte di Marchionne

di -
elkan marchionne

Il gruppo FCA, per il suo futuro, mira, in modo sempre più deciso, al raggiungimento di nuovi accordi di partnership con altre realtà del mondo delle quattro ruote che, un domani, potrebbero portare ad una vera e propria fusione che porterebbe diversi vantaggi ai conti aziendali e permetterebbe investimenti ancora più decisi in un mercato in continua crescita, soprattutto in alcune regioni mondiali, come quello dei motori.

Dopo il tentativo fallito di Sergio Marchionne, amministratore delegato di FCA, di stringere rapporti d’alleanza con General Motors tramite una mail inviata all’ad del gruppo americano che non ha declinato le proposte di Marchionne, FCA ha tutta l’intenzione di continuare a sondare il mercato alla ricerca di nuovi partner in grado di sostenere una crescita futura molto marcata e tale da permettere al gruppo italo-americano di raggiungere i concorrenti top del mercato.

A confermare, ulteriormente, l’interesse di FCA verso un consolidamento della sua posizione sul mercato tramite nuovi accordi con altre aziende costruttrici impegnate nel mondo delle quattro ruote è stato John Elkann, presidente del gruppo, che, a margine dell’assemblea di Exor, la holding che controlla FCA e di cui Marchionne è appena diventato vice-presidente non esecutivo, ha dichiarato “Quella inviata a General Motors non è l’unica mail. Ci sono stati contatti con altri Costruttori. C’è assoluta condivisione tra me e Sergio Marchionne

Elkann ha sottolineato l’importanza strategica di una possibile fusione che permetterebbe di aprire nuovi, interessanti, scenari per FCA “Malgrado tutti abbiamo piani industriali, il dialogo non va a discapito di questi, ma li rafforza. Le fusioni non impediscono di andare avanti con i propri, ma permettono di usare meglio il capitale. Il vero male, semmai, è l’eccesso di capitale non remunerato

Ciò che è certo è che FCA continuerà a guardarsi intorno ed i suoi dirigenti continueranno ad inviare mail, organizzare meeting e conferenze con dirigenti di aziende concorrenti con l’obiettivo di migliorare la posizione attuale dell’azienda tramite nuove partnership produttive e, in ottica futura, anche attraverso possibili scenari di fusione che andrebbero, senza dubbio, a modificare radicalmente gli equilibri del mercato mondiale delle quattro ruote. Per ora, in attesa di nuovi sviluppi sulla situazione, non ci resta che attendere l’arrivo di nuove dichiarazioni o di nuovi rumors sulle possibili mosse future di FCA all’interno del complicato mercato delle quattro ruote. I progetti che potrebbero vedere protagonista FCA dovrebbero, in ogni caso, essere a lunga scadenza e, quindi, non riguardare l’immediato futuro del gruppo italo-americano che sta vivendo un present di estremo interesse con tanti progetti dall’enorme potenziale in via di sviluppo.