Jeep Renegade, problemi software per alcuni modelli. Suv di lusso nel 2018

FCA volano le vendite Usa della 500X e Jeep Renegade

La nuova Jeep Renegade sta riscuotendo un notevole gradimento da parte del pubblico ma nello scorse ore è giunta notizia che un lotto è stato fermato prima di partire per le consegne per una serie di problemi di software.

È stato lo stesso Sergio Marchionne a renderlo noto nel corso di un evento per il ritiro di un premio assegnatogli dalla Sae Foundation.

Le problematiche della nuova crossover sembrerebbero dunque similari a quelle che proprio due anni fa hanno generato una serie di ritardi nel debutto sul mercato del modello attuale della Jeep Cherokee.

Un difetto che si presume pertanto relativo alla gestione elettronica del nuovo cambio a nove rapporti e del sistema di trazione integrale. Ricordiamo che si tratta di un abbinamento previsto soltanto con l’unità 2.0 MultiJet nelle due declinazioni da 140 o 170 CV.

Sergio Marchionne ha comunque annunciato che i problemi sono ormai in via di soluzione, mentre per quanto riguarda la consegna dei modelli interessati al “blocco”, sono programmati entro la prossima metà di giugno.

In base a quanto riportato da Automotive News, il numero uno di FCA ha parlato anche della prossima e attesa Grand Cherokee, il cui lancio commerciale era previsto inizialmente nel corso del 2017 ma che potrebbe essere posticipato nel 2018. Il motivo è il probabile arrivo di un Suv di lusso che nascerà sulla stessa piattaforma, un nuovo modello al top di gamma con tre file di sedili e una lunghezza superiore ai cinque metri.

Non ci resta che attendere per avere conferme ufficiali dalla casa italo-americana al riguardo.

 

FONTE: quattroruote.it